laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

La storia di quelle montagne

Più informazioni su

Sport e lezioni in ambiente delle vicende del territorio con Mangia Trekking

LA SPEZIA – Una giornata di inizio primavera sull’Alta Via dei Monti Liguri, dove l’associazione Mangia Trekking ha organizzato una particolare attività di alpinismo lento per alcuni carissimi amici del GEB di Bibbiano (RE). Un cammino per tutti, di circa dieci chilometri, che partendo dal Passo dei Casoni, ha portato gli appassionati intervenuti, prima sul monte Coppigliolo e poi sul monte Civolaro. Un dislivello totale di circa mt 600, tra panorami bellissimi, le Alpi Marittime, le Alpi Apuane, l’Appennino Tosco Emiliano, la Lunigiana, la Val di Vara ed il Mar Ligure con impressionanti aperture sulle isole dell’Arcipelago Toscano, fino alla Sardegna sull’orizzonte. Un’attività all’insegna dello sport in montagna,  ma anche della storia di quei territori. Infatti sulla vetta del monte Civolaro, invitato dal presidente del  Mangia Trekking, un autorevole componente dell’associazione Ligure, lo scrittore e fotografo Giorgio Pagano, ha tenuto una interessante lezione relativamente agli avvenimenti legati alla Resistenza in quei luoghi.


Un momento particolarmente coinvolgente, che ha sollecitato anche alcune domande da parte dei presenti, le quali hanno evidenziato quanto in quel contesto storico fosse forte la vicinanza tra le comunità delle città e degli entroterra, e quale straordinaria risorsa rappresentassero  le une per le altre. Dall’Arsenale della Marina Militare a La Spezia, fino all’Appennino ed alla Pianura Padana. E lassù, sul Civolaro, guardando verso la vallata di Rossano si è parlato anche del maggiore  Gordon Lett, della triste vicenda del comandante Dante Castellucci “Facio”, e del grandissimo contributo offerto alla Resistenza dalle donne. Nel pomeriggio discesi dal Civolaro, nello spirito migliore dell’Alpinismo Lento, i tanti amici convenuti, camminando lungo l’Alta Via dei Monti Liguri, hanno diretto verso il Passo dei Casoni, dove ad attenderli, presso l’antica trattoria dei Cacciatori, vi era una ricca degustazione di prodotti tipici della cucina ligure di montagna. Storie sui sentieri del mare e della montagna, tante iniziative turistico-sportive programmate così, semplicemente per  proseguire quel  cammino che l’associazione Mangia Trekking ritiene possa essere una preziosa risorsa  per i territori verdi. Rispettando l’ambiente, apportando e mai asportando qualcosa.

Più informazioni su