laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Maria Grazia Fria: «Marola: 40 metri di banchina restituiti ai cittadini»

Più informazioni su

“Non è la risoluzione del problema ma è pure sempre un passo avanti”

LA SPEZIA – “Avevamo ragione a chiedere che di Marola si occupasse il Ministro Pinotti, la quale questa mattina alla Spezia ha affermato che verrà restituito un pezzo di banchina di 40 metri, invece dei miseri 7 metri, ai marolini. Una buona notizia quindi che certamente non  risolve il problema di Marola ma rappresenta un bel passo avanti. Credo che un po’ di riconoscimento vada anche alla nostra parte politica che a gran voce ha sostenuto i residenti e ha portato all0interno del dibattito proposte concrete”. Così dichiara Maria Grazia Fria, consigliere comunale e candidata di Liguria Libera a queste elezioni regionali,  che continua: “ricordo infatti che durante la seduta del consiglio comunale dove è stato discusso il documento sulla questione Marola io stessa chiesi la modifica della mozione con l’inserimento di un emendamento con il quale si chiedeva  di far intervenire concretamente il Ministro Pinotti. Pare che le richieste siano state accolte ed i primi risultati inizino ad arrivare”.

“Inoltre la notizia che si vorrebbe portare alla Spezia la parte della demolizione delle navi militari mi sembra positiva perché si parla di posti di lavoro per tante persone. Certo bisogna monitorare la questione degli aspetti ambientali ma siamo nel 2015 e è possibile integrare bene smaltimento, lavorazione e tutela del territorio e dell’ambiente”.

“Una città come la nostra dove i giovani e anche meno giovani sono costretti a scappare per via della mancanza di posti di lavoro deve incentivare un tipo di lavorazione rispetto alla quale la nostra città era specializzata. Sicuramente però non dobbiamo dimenticare quanto è successo in passato e l’impegno deve essere quello di attivare un sistema virtuoso che allo sviluppo affinchi il rispetto delle norme e la tutela dell’ambiente”, conclude Maria Grazia Fria.

Più informazioni su