laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Grande Spettacolo sul Mortirolo: Vittoria di Landa

Più informazioni su

Contador sempre più Rosa. Mikel Landa fa doppietta sul traguardo di Aprica. Alberto Contador fora, recupera, vola sul Mortirolo e consolida la Maglia Rosa. Fabio Aru è ora al terzo posto dietro Landa

APRICA – Mikel Landa (Astana Pro Team) ha vinto la seconda tappa consecutiva al Giro d'Italia, arrivando da solo sul traguardo di Aprica. Lo spagnolo ha preceduto Steven Kruijswijk (Team Lotto NL – Jumbo) e Alberto Contador (Tinkoff Saxo), che grazie al terzo posto ha consolidato la leadership nella classifica generale.

La Maglia Rosa, vittima di una foratura, è rimasto attardato a causa del conseguente attacco del Team Katusha e dell'Astana. Grazie all'aiuto del compagno Ivan Basso, che gli ha donato una ruota, ha ripreso prontamente, recuperando tutto lo svantaggio sulle rampe iniziali del Mortirolo per poi partire al contrattacco seguito dai soli Kruijswijk e Landa.

Fabio Aru (Astana Pro Team), giunto al traguardo al settimo posto a 2'52" dal vincitore, è stato vittima di un problema meccanico mentre era all'inseguimento del terzetto di testa dopo essere stato staccato sul Mortirolo. Il corridore sardo si trova ora al terzo posto in classifica generale, dietro il compagno Landa.

Steven Kruijswijk, grazie anche ai punti conquistati passando per primo sul Mortirolo, indossa ora la Maglia Azzurra di miglior scalatore. Restano invariate le altre maglie: Elia Viviani (Team Sky), Maglia Rossa di leader della classifica a punti e Fabio Aru, Maglia Bianca di miglior giovane.

I TEMPI DI SCALATA DEL MORTIROLO (MIGLIORI 5)
1 – Alberto Contador (Tinkoff Saxo) – 45’07”
2 – Steven Kruijswijk (Team Lotto NL – Jumbo) – 45'56"
3 – Mikel Landa (Astana Pro Team) – 46’00”
4 – Andre Cardoso (Team Cannondale – Garmin) – 46’35”
5 – Ryder Hesjedal (Team Cannondale – Garmin) – 46’52”


CONFERENZA STAMPA
Mikel Landa (Astana Pro Team), Vincitore di Tappa
Domani sarà Aru a correre per te?

Non lo so ancora. Non ho ancora visto la classifica generale. Dobbiamo vedere come staranno le gambe. So solo che sono secondo ma non so i distacchi da Contador. Vedremo come recupera Fabio: lo scenario ideale sarebbe poter lavorare assieme contro Contador.

Hai mai pensato di attaccare sul Mortirolo?
A dire la verità ero concentrato sulla salita dell'Aprica. Quando l'abbiamo affrontata la prima volta c'era vento laterale, le pendenze non erano molto alte e non era certo la mia salita ideale. Abbiamo cercato di forzare il ritmo prima del Mortirolo per fare soffrire Alberto, venirci a riprendere gli sarebbe costato. Dopo che Alberto ci ha ripreso ho notato che Aru non stava bene. A quel punto mi hanno detto di partire e cercare di vincere la tappa.

Se tu non avessi dovuto lavorare per Aru avresti potuto vincere questo Giro d'Italia?
Se io avessi corso da capitano può darsi che non avrei fatto assolutamente niente. Non si sa mai. Sono in una situazione completamente nuova, è andata come è andata e vedremo come finirà.

Alberto Contador (Tinkoff Saxo), Maglia Rosa
Come valuti la tua performance nella tappa di oggi?
Mi sento orgoglioso di essere stato il protagonista di questa tappa. Era molto complicata. Fino alla mia foratura sulla discesa dall'Aprica tutto andava alla perfezione. Basso mi ha dato una ruota ma ci è voluto tempo per cambiarla, mi sono trovato in un gruppo di inseguitori. Mi aspettavo a quel punto uno scenario simile a quello che poi è successo. Non voglio discutere se fosse corretto o meno.

Cosa pensi della tua squadra oggi?
Penso che i miei compagni sono stati straordinari. L'intero team mi ha atteso e abbiamo lavorato insieme. La mia frequenza cardiaca sul piano era 180. Davanti stavano spingendo a pieno gas per aprire un varco. Quando ho visto che gli Astana si erano organizzati sapevo di iniziare il Mortirolo con un certo distacco. Quando abbiamo attaccato il Mortirolo stavamo generando un numero incredibile di watt. La mia squadra ha assunto il controllo della corsa dal primo giorno, la gente questo spesso se lo dimentica.

Che cosa stavi pensando ai piedi del Mortirolo?
Il problema non è stato tanto iniziare la salita distaccato ma finire la discesa 10 chilometri prima con un gap da colmare. Sapevo sarebbe stato difficile: mi mancavano 45 chilometri durante i quali non ho potuto permettermi di avere problemi meccanici o andare crisi. È stata una sfida e sapevo che cominciava la parte difficile. Sul Mortirolo ho pedalato al mio ritmo. Sapevo che era una prova a cronometro. Non potevo permettermi di perdere la calma. Dopo che ho messo la ruota di Basso ho scalato il Mortirolo con il 34-30.

 

LA TAPPA DI DOMANI – I CINQUE SENSI
Tappa n. 17 – TIRANO – LUGANO – 134km


Gusto
Piatto tipico: Torta di pane
Un fantastico dolce popolare, a base di pane raffermo ammollato nel latte e impastato con uova, limone, zucchero, cacao, uvetta sultanina, cedro candito, pinoli e un bicchierino di grappa. Preparato sapientemente secondo le usanze locali va infornato e cotto per ben due ore e mezza. Fragrante e profumato, è un delizioso fine pasto ma, mangiato a colazione con un buon bicchiere di latte appena munto è una vera gioia per il palato.
A cura della redazione di Oggi Cucino

Olfatto
Sforzato
In dialetto Sfursat. Si tratta di un vino rosso ottenuto da appassimento, almeno tre mesi, dell’uva Nebbiolo. I grappoli in questa fase perdono quasi il 40% del loro peso, concentrando in questo modo profumi e sapori. Il risultato, spesso affinato in legno, è un vino potente, ampio, ricco di note speziate e persino cuoiate. Non teme l’abbinamento con la cacciagione.
Verdesa
Uva bianca tendente al verde che, dal colore, ricava appunto il proprio nome. Di solito la Verdesa viene molto usata come base dei vini bianchi prodotti sul lago di Como. In bocca è fresca, snella, agrumata (pompelmo e lime). Si abbina in particolar modo ai pesci di lago variamente cucinati. Chi non amasse il pesce la potrà affiancare ad una frittata di fiori di zucchina.
A cura di Luca Gardini, Campione del Mondo Sommelier 2010

Udito
IL GIRO D’ITALIA È ANCHE… OPERA LIRICA
Lugano (km 134): l’opera Guglielmo Tell (con titolo originale in francese Guillaume Tell) fu l’ultima composta da Gioachino Rossini. La famosa overture, un dipinto in musica della vita nelle Alpi Svizzere, ove l’opera è ambientata, fu descritta da Berlioz (che di solito disprezzava i lavori di Rossini) come una "sinfonia in quattro parti”. La melodia è stata utilizzata nei cartoni animati di Topolino Il concerto bandistico, di Bugs Bunny Overtures to Disaster (suonata da Daffy Duck e Porky Pig) e Bugs Bunny Rides Again. Il finale è stato cantato con parole appositamente scritte da Daffy Duck in Yankee Doodle Daffy e da un quartetto di poliziotti (come "Buon Compleanno") nell’episodio dei Flintstones The Hot Piano. L’overture accompagna la scena orgiastica diArancia Meccanica di Stanley Kubrick. La psicologa Joan Meyers-Levy ha scoperto che l’uso della melodia nelle pubblicità americane è particolarmente adatta per rivolgersi a un’audience maschile.
Vi consigliamo l’ascolto di: l’overture finale di Guglielmo Tell.
A cura di Matt Rendell.

Vista
Base per le salite allo Stevio e al Bernina, il borgo di Tirano si stringe intorno al Santuario della Madonna di Tirano, e i dintorni sono ricchi di pievi e conventi montani che sfiorano i 2.000 metri. È la base di partenza dello spettacolare Bernina Express, che porta all'Engadina sorvolando i ghiacciai. Capitale della Svizzera italiana e del verde Ticino, Lugano offre un centro in stile rinascimentale lombardo. Irrinunciabili Piazza Riforma, cuore della città e scenario del Jazz Festival, e le vetrine scintillanti di Via Nassa: alta moda e pralinerie. È in corso nei giorni del Giro il Lugano Festival di musica classica a Palazzo dei Congressi.
A cura della redazione di Dove.

Tatto
Un mito elevetico, gli orologi gioiello nelle botteghe del centro di Lugano, come Anghinoni, Tourbillon o Boucherer.
A cura della redazione di Dove.
 

Più informazioni su