laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

XXVIII Trofeo Mariperman: non solo vela e motori

Più informazioni su

Si è concluso oggi il XXVIII Trofeo Mariperman con il suo ricco programma di eventi

LA SPEZIA – Tra le molte attività nel pomeriggio del sabato, nello specchio acqueo prospicente Molo Italia, i bellissimi cani da salvataggio della SICS (Scuola Italiana Cani da Salvataggio) si sono esibiti in una esercitazione lanciandosi dalla goletta Pandora. I numerosi presenti hanno potuto assistere anche ad una seconda esercitazione con gommone della C.R.I. e una spinalizzazione in mare.

La sera Molo Italia è stato teatro dell’accensione di una foto elettrica tedesca della seconda guerra mondiale. Il proiettore un 60 centimetri Flakscheinwerfer Flak-Sw 36 era il più piccolo in dotazione all’esercito tedesco, sviluppato alla fine degli anni ’30 ed alimentato da un generatore da 8 kilowatt, aveva un campo di rilevamento di circa 5 km per gli obiettivi ad un’altitudine di 1500 metri. Il pubblico presente ha potuto rendersi conto della potenza della fotoelettrica grazie al lancio di due gruppi di palloncini che salendo in cielo hanno permesso di mostrare il raggio di rilevamento del fascio di luce. La Fotoelettrica è stata resa disponibile dal Signor Campanini collezionista dell’Associazione Rover Joe.

Graditi ospiti anche quest’anno le auto d’epoca, di altissima qualità, appartenenti all’ASI (Automotoclub Storico Italiano). Tra gli esemplari, tutti prodotti tra il 1906 ed il 1925, erano presenti una DeDian – Bouton, macchina che ha segnato la storia dell’automobilismo infatti il suo sistema di sospensione posteriore, era adottato dalle Alfa Romeo Formula 1 degli anni ’50, accanto ad essa due Fiat Corsa dei primi anni ’20, un Itala, e una O.M. Torpedo in assetto sport trionfatrici della prima Mille Miglia, e poi Buick, Crysler, Chevrolet, Dodge ed un raro triciclo automoto del 1898. Tutti pezzi unici di straordinario valore. Nella giornata di domenica le automobili si sono recate ad Ortonovo a visitare le rinomate cantine Lunae, nella tarda mattinata una folla di appassionati e di curiosi ha potuto ammirarle in passeggiata Morin prima della loro partenza per un giro in Litoranea.

Nella mattina di domenica le macchine sono state affiancate da 250 Vespe che, ospitate dal trofeo, hanno fatta tappa a Molo Italia. Partiti da Lerici, i vespisti, si sono fermati a far ammirare le loro moto provenienti dai vari vespa club sparsi per il centro e nord Italia per poi ripartire in direzione Portovenere e Le Grazie. La tappa a Molo Italia è stata l’occasione per uno scambio di doni tra il presidente del Motovespa Club La Spezia Bruno Garau e l’ammiraglio Claudio Morellato direttore del CSSN.

Il clou del Trofeo Mariperman rimane però in mare, alle regate del sabato erano infatti presenti 93 imbarcazioni mentre la domenica sono diventate 143, una moltitudine di vele a impreziosire bellissimo Golfo della Spezia che dimostra ancora una volta di essere un’ideale location per questo sport. Molte le classi e le tipologie delle imbarcazioni, scafi di legno con più di cinquant’anni, chiglie

moderne in vetroresina, armamenti aurici e marconiani, uno spettacolo unico nel suo genere. Le regate si sono svolte in due giornate con condizioni ottimali, soprattutto la domenica con un vento un pochino più sostenuto, che hanno permesso ai regatanti di disputare più prove. Nella classe 5.50 stazza internazionale si aggiudica la vittoria Whisper di Richard Leopold completano il podio Carabella e Tara. Tra le aggraziate Vele Latine si aggiudica la vittoria, tra i minori di 5,5 m Do Nono timonato da Giovanni Cammarano seguito da Robilù e Rosio, e tra i maggiori di 5,5 m Lazzaro di Walter Codeluppi completano il podio Santa Rita e Bianca. Nella classe Dinghy si aggiudica il primo posto lo spezzino Dani Colapietro a bordo di Casmaran, secondo classificato Maxima e terzo Al. Le imbarcazioni d’epoca dell’AIVE erano suddivise in due gruppi, nel gruppo Classici vince Namib di Pietro Bianchi che tiene dietro Chin Blu III e Voscià, nel gruppo epoca trionfa Miranda III con al timone Fabio Vespa davanti a Margaret e Ilda. La classe più numerosa, con 50 imbarcazioni, è stata quella degli Optimist ovvero quella dei ragazzi dai 6 ai 13 anni, nel gruppo Cadetti a vincere è Margherita Pezzella, al secondo posto Mattia Tognocchi e al terzo Lorenzo Sorrenti. Nel gruppo Juniores il primo posto è di Paolo Scotto Di Vettimo, il secondo di Alessandro Tongiorgi ed il terzo di Emanuele Di Maggio. Tra le imbarcazioni moderne nella classe Meteor, dopo tre prove, si aggiudica la vittoria il vice campione Italiano Avance di Galera di Roberto Capozza, completano il podio Sesta Galla e Zombie. La classe J24 vede invece la vittoria di La Possente della Marina Militare davanti a Euterpe, secondo, e Folaga terzo.  Sempre tra le barche moderne nella classe Gran Crociera, erede del vecchio Tutti a Vela, vince, nel gruppo A, Bella’M Briana di Giovanni Stefanini con tre vittorie in altrettante prove, seguito da Duchessa e Skeddih; nel gruppo B invece si impone Marina 2 di Aurelio Bertella che tiene dietro She e Italia One. Nella classe ORC A X-Press di Giovanni Elena si impone su Raffica II e Sottosopra XL; tra gli ORC B il successo va a Strixia che di misura batte Neghenè e Roxanne. Il XXVIII Trofeo Mariperman, assegnato alla Classe ORC riunita, è stato vinto da Strixia di Servadei Marco che succede nell’albo d’oro a Valhalla. Brillanti ed efficaci tutti i comitati di regata che hanno lavorato in maniera coesa e precisa.

Tutte le premiazioni del Trofeo Mariperman sono state ospitate su Nave Maestrale della Marina Militare alla presenza di numerose autorità che per l’occasione hanno premiato i vincitori delle diverse classi. Un grande ringraziamento va al Comitato dei Circoli Velici ed in particolar modo al Circolo Velico della Spezia, che oltre all in mare  attività svolta in mare, ha ospitato la segreteria organizzativa ed al Circolo della Vela Erix, alla Società la Vela e alla Lega Navale Italiana per l supporto logistico.

Più informazioni su