laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Fosdinovo: tagliarini e bollicine stregano esperti

Più informazioni su

A Villa Malaspina prima tutti a lezione poi tutti a tavola

FOSDINOVO – Tajarin’n ti fagioli e bollicine: eccolo l’abbinamento che non ti aspetti di trovare in tavola. Almeno fino allo scorso weekend. Epilogo “fuori programma” per il progetto di “Qualità del Territorio” di cui è capofila Impresa Verde Coldiretti Toscana che ha premiato, al termine della cena di Gala presso il ristorante “Le Scuderie”, a Fosdinovo, il piatto principe della tradizione carrarina abbinato allo spumante “Le Viole” dell’azienda agricola Calevro, versante massese del Candia dei Colli Apuani Doc. Unanime il verdetto espresso dalla giuria eno-gastronauta formata da Sommelier dell’AIS Apuana e giornalisti, che hanno premiato il legame originale tra il piatto ed il vino. Riconoscimento anche per La Merla della Miniera dell’aziendaTerenzuola. Per niente facile il compito degli oltre 60 partecipanti alla di Gala (tra di loro l’imprenditore vitivinicola Boriassi e Pascale dell’azienda agricola omonima) che ha dovuto scegliere tra tutta una serie di piatti ed abbinamenti per niente facili. Alla fine, a spuntarla, sono stati i taglierini (alla carrarina), presentati magnificamente dallo chef delle Scuderie di Coccò. La cena di Gala è stato la tappa finale di un percorso di animazione ideato e pensato per dare evidenza a tutte le tematiche più attuali come la sostenibilità delle attività agricole in rapporto all’economia di mercato, l’impatto delle nuove tecnologie, e le nuove opportunità offerte dalla multifunzionalità.Elementi che si riflettono in quello che mangiamo e che rendono i prodotti apuo-lunigianesi unici, distinguibili e non “replicabili”.
 
E’ stata questa volta la bella cornice di Villa Malaspina, messa a disposizione dalla proprietaria  Arch. Anna Maria Zuccarino, ad ospitare nella mattina il mercato dei produttori locali e dell’artigianato, i mini-corsi di degustazione dell’olio sia per adulti che per bambini, e poi attraverso il partecipato convegno dal tema “Agricoltura e Qualità del territorio” aperto dal sindaco del Comune di Fosdinovo, Camilla Bianchi. Al centro dell’incontro le strategie per una difesa delle tradizioni e delle risorse del territorio (valorizzazione della biodiversità, alberi monumentali, nuove coltivazioni di interesse perzone collinari e montane, impatto delle biotecnologie e OGM) ma anche aspetti di grande novità come l‘agricoltura sociale con l’intervento di Francesco di Iacovo che introduce un concetto estremamente nuovo nel sistema di relazioni tra gli attori del territorio contemplando la solidarietà come valore di scambio tra le varie componenti sociali ed economiche. L’iniziativa è stata finanziata nell’ambito del maxi-progetto “Qualità del Territorio” del Piano Provinciale dei Servizi di Sviluppo Agricolo e Rurale (PPSSAR).

Più informazioni su