laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Su Poliziamoderna «Così cambia l’immigrazione»

Più informazioni su

Dipartimento della Pubblica Sicurezza

ROMA – Poliziamoderna dedica il primo piano di luglio all’impegno della Polizia di Stato sull’emergenza sbarchi e ai reali pericoli per la salute degli operatori impegnati nelle fasi di accoglimento. Oltre ai dati aggiornati, tabelle, mappe dettagliate le parole del direttore del Servizio immigrazione Vittorio Pisani illustrano il complesso lavoro del Centro nazionale di coordinamento dove viene gestito il flusso informativo relativo alla immigrazione clandestina per una sempre maggiore sinergia tra le forze di polizia.

Le diverse fasi dall’arrivo fino al centro di accoglienza dei migranti. Le cifre dell’attività di polizia giudiziaria, dei provvedimenti di allontanamento dei clandestini e degli sbarchi nelle diverse località italiane. Le problematiche e la necessità di sempre maggiori accordi di cooperazione con i Paesi di provenienza degli stranieri.  A fronte del 95% degli arrivi provenienti dalla Libia l’attività di soccorso fotografa in particolare modo l’impegno delle forze di polizia accanto a quella di contrasto adempiendo il dovere di salvataggio della vita umana in mare. 

Nel secondo articolo il parere di un dirigente medico sulla base dei dati ufficiali ridimensiona i  pericoli per la salute degli operatori di polizia. La teoria del “migrante sano” vince su allarmismi spesso diffusi dai mass media. E’ la stessa selezione naturale a scegliere i più forti tra coloro che arrivano sulle nostre coste. Ambizione e desiderio di cambiare vita sono gli elementi che fanno arrivare sulle coste italiane i migranti in sostanza in buona salute anche se provati dal viaggio. Scabbia e tubercolosi non costituiscono un rischio per la vita. L’Amministrazione in ogni caso segue da vicino la salute degli operatori impegnati nell’attività iniziali di soccorso, trasferimento e fotosegnalamento dei migranti, attraverso una presenza capillare dei medici della Polizia di Stato e la diffusione di un vademecum fotografico informativo visionabile sul sito www.poliziadistato.it

Così cambia l’immigrazione

Nessuno si nasconde più, nessuno vuole entrare clandestinamente, tutti si consegnano alla pietà dei soccorritori

Voglio raccontarvi la storia della foto di copertina. È tardo pomeriggio, un rimorchiatore ha trainato il gommone stracarico di migranti dalla nave della Marina, ferma tasi in rada, fino al porto di Pozzallo di Ragusa. Sono stati i migranti stessi “dotati” di cellulari satellitari dagli scafisti a lanciare la richiesta di aiuto, una volta staccatisi dalla Libia, appena si sono trovati in acque internazionali. Nessuno si nasconde più, nessuno vuole entrare clandestinamente, tutti si consegnano alla pietà dei soccorritori. All’attracco li aspettano i poliziotti dei Reparti mobili aggregati da tutta Italia, gli operatori della Scientifica e il funzionario di turno responsabile delle operazioni di sbarco.

È quest’ultimo quello che nella foto vediamo affidare in custodia una piccola creatura al collega con il basco. In un silenzio irreale gli altri sulla barca aspettano pazientemente in piedi, ondeggianti come fantasmi, che arrivi il momento di toccare terra. Ma la priorità sono i bambini. Di quella piccola di pochi mesi non sappiamo né il nome, né da dove venga, né se quella che l’accompagnava è realmente la mamma o, come spesso capita, una donna che se n’è presa cura dopo aver visto la vera madre morire durante il viaggio. Neanche dei due poliziotti è necessario dire i nomi o sapere se hanno figli per percepire che in quel gesto risiede qualcosa che va oltre la professiona- lità, il senso paterno. Prima delle operazioni di pg, prima dell’attività di identificazione, spesso dolorosamente forzosa, prima del contrasto ai nuovi schiavisti c’è l’umanita che accoglie altra umanità ferita e sofferente.

Questa foto è legata al primo piano di luglio, dedicato all’emergenza immigrazione. Troverete l’immane impegno della Direzione centrale dell’immigrazione e frontiere, dai dati su sbarchi, rim- patri, arresti alle nuove rotte marittime e terrestri. Vi spiegheremo come cambiano l’immigra- zione, che nasce dalla guerra e dalle persecuzioni, e il modo di contrastarla, perché clandestina non lo è di fatto più. Ed anche come la Direzione centrale di sanità ha affrontato il nodo della prevenzione e della protezione sanitaria dei poliziotti. Nessuna epidemia si è sviluppata e i rischi di malattie come Tbc o scabbia sono tenuti sotto controllo. Piuttosto che le patologie fisiche sono le malattie dell’anima il fardello più pesante che questa gente traumatizzata da battaglie e persecuzioni si porta dietro.
Ciò che non troverete nel primo piano è ciò che invece dice l’istantanea di copertina: senza la carica di umanità che sta dentro le divise questo lavoro sarebbe impossibile da assolvere.

Più informazioni su