laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Meccanico condannato in Tribunale a maxi multa e spese legali

Più informazioni su

LA SPEZIA – La Polizia Provinciale aveva trovato nella sua officina motori in disuso e componenti meccaniche derivanti dalle riparazioni delle autovetture, tutti considerati rifiuti non pericolosi che andavano annotati nell’apposito registro di carico e scarico rifiuti. Gli agenti avevano perciò contestato al titolsare dell'officina una multa da 2600 a 15000 euro, prevista nel testo unico ambientale all’art. 258. La Provincia, competente per il caso, aveva rigettato le note difensive ed aveva emesso ordinanza-ingiunzione per 5000 euro, puntualmente opposta in Tribunale dall’avvocato Alessandro Silvestri, legale dell’artigiano. Ma il Tribunale della Spezia, nella persona del Giudice monocratico ROBERTO COLONNELLO ha dato ragione alla Provincia, difesa dagli avvocati Roberto Benvenuto (nella foto) e Veronica Allegri, confermando la sanzione e condannato il ricorrente a quasi 3000 euro di spese legali. Nella sentenza si legge che il teste l’Agente di Polizia Brusacà aveva riferito che nell’officina si trovavano circa 20 motori di automobili in disuso di cui non si trovava riscontro nell’apposito registro e che appare inverosimile che tutti  questi motori e  parti meccaniche siano stati smontati nell’arco di soli 10 giorni, termine di tempo entro il quale la legge consente l’annotazione nel registro. Di qui la pesante condanna dell’artigiano.

Più informazioni su