laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

A Sarzana per il primo Raduno regionale dei giovani di Libera Liguria

Più informazioni su

Ottanta attivisti a "Life is sweet"

SARZANA – Dal 26 al 28 luglio presso l’Istituto Parentucelli – Arzelà di Sarzana si terrà il primo Raduno regionale dei giovani di Libera Liguria dal titolo "Life is sweet", una tre giorni di formazione, impegno e confronto, ma anche di divertimento e condivisione. Oltre 80 giovani attivisti di Libera provenienti da tutta la regione avranno la possibilità di ritrovarsi e confrontarsi con i responsabili dei coordinamenti provinciali di Libera sui temi centrali dell’attività dell’associazione: si terranno dei seminari formativi sulla presenza della criminalità organizzata in Liguria, sul riuso sociale dei beni confiscati alle mafie, sulle politiche giovanili e sui vent'anni di Libera tra memoria e impegno.

“Un momento importante di confronto interno alla rete associativa, con un'attenzione particolare al territorio che ci ospiterà” dicono da Libera La Spezia e Liguria. “Per questo – proseguono – abbiamo invitato a intervenire all’assemblea di apertura di domenica mattina i rappresentanti del Comune di Sarzana, e per la stessa ragione abbiamo pensato a due iniziative serali per coinvolgere la cittadinanza”.

Non solo incontri e formazione quindi: il Raduno dei giovani di Libera ospiterà anche due iniziative serali aperte a tutta la cittadinanza il cui ricavato sarà destinato a finanziare le attività di Libera nel territorio:

· Domenica 26 luglio alle ore 20.00: “Note di legalità” presso Arci Bradia, concerto a cura dell’Accademia Bianchi di Sarzana e gli Ondalibera con stand gastronomico di sgabei e vino di Libera Terra.

·  Lunedì 27 luglio alle ore 21.00: “AnimiAmo Sarzana” presso Piazza De Andrè (Sarzana), serata di animazione a cura dell’associazione L’égalité con artisti di strada, giochi e sorprese dal Quarto piano, progetto di riutilizzo sociale del bene confiscato alla criminalità organizzata di Via Landinelli.

Sarzana sarà quindi lo scenario dell’energia dei ragazzi di Libera che rappresentano lo spaccato di un'Italia spesso dimenticata, relegata a minoranza, che invece esiste e vuole contare; quell'Italia capace di reagire, di affrontare con consapevolezza e preparazione le ingiustizie legate, anche ma non solo, alle infiltrazioni mafiose presenti anche in Liguria; quell'Italia convinta che la vita possa essere dolce, se vissuta impegnandosi per i diritti di tutti” – concludono i rappresentanti di Libera.

Più informazioni su