laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

LunaticaFestival. Carrara: al San Giacomo’s factory “le cose dietro il sole”

Più informazioni su

Come un Telemaco alla ricerca di memorie partigiane

CARRARA – Come frammenti di poesia possono essere amplificati nei loro significati dalla musica elettrico acustica: questo l'esperimento che ha portato alla nascita dello spettacolo "Le cose dietro il sole", la prima vera e propria storia teatrale nata dalla lettura di un libro, che sarà di scena sabato 25 luglio e domencia 26 luglio alle 21,30 all'ex ospedale San Giacomo di Carrara, nell'ambito del cartellone degli eventi di Lunatica Festival, allestito da Provincia di Massa Carrara e Fondazione Toscana Spettacolo.

Non casuale il luogo scelto per questa rappresentazione, una delle quattro dell'intero programma di questa edizione del Festival a prendere vita in questo significativo quartiere della città del marmo e in questa struttura, diventata per l’occasione una factory.

A far nascere la performance, nel 2013, il libro "Il complesso di Telemaco" di Massimo Recalcati. È il testo psicoanalitico e sociologico che hanno usato l'attore e danzatore Matteo Ciucci e il  musicista Sabastiano Rossi per creare la loro opera.

Il libro, come lo spettacolo, sono una metafora di quel lungo viaggio che ha intrapreso Telemaco alla ricerca del padre Odisseo. Nel caso dello spettacolo la storia comincia dal ritrovamento di un vecchio libro di memorie partigiane scritte dal bisnonno del protagonista, che guiderà il giovane alla ricerca delle parole di chi ha combattuto a fianco con il suo avo. Da qui le risposte di un partigiano ritrovato e i pensieri del giovane porteranno avanti un discorso su quel passato di cui tutti siamo fatti, per cercar di gettare un occhio lucido sul presente.

Otto capitoli recitati con accompagnamento musicale, due canzoni e cinque audio interviste del partigiano Giorgio Mori: sono questi gli elementi che si mescoleranno per raccontare la storia di un giovane che torna a scavare nel suo passato per ritrovare una parola forte e capace di gettare un occhio lucido sul presente. In questo viaggio sarà accompagnato dalla testimonianza vivente di un vecchio partigiano e da tutti quei grandi nomi che hanno segnato la sua vita: Pasolini, Camus, Deleuze, Weill, Gramsci, Rimbaud, a ricordare che ognuno di noi porta con sé delle tracce.

Il costo del biglietto di ingresso a questo spettacolo è di euro 5 e la prenotazione è obbligatoria.

Più informazioni su