laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Inaugurazione della festa di Avvenire

Più informazioni su

LERICI – E’ iniziata ieri sera a Lerici la Festa del quotidiano cattolico Avvenire, giunta quest’anno alla quarantesima edizione. Il vescovo Lugi Ernesto Palletti ha celebrato la Messa inaugurale nella chiesa parrocchiale di San Francesco, alla presenza del direttore di Avvenire, Marco Tarquinio, del sindaco di Lerici, Leonardo Paoletti, e di altre autorità.

«Oggi più che mai abbiamo bisogno di conoscere e “saper leggere” i fatti. Servono le prospettive con cui legare gli eventi – ha detto mons. Palletti nell’omelia -. Lungi dall’affermare una visione confessionale della realtà, Avvenire intende mantenere vivo il binomio “libertà-verità”. L’informazione è troppo spesso asservita ad una visione ideologica». Lo sappiamo bene riguardo alla vita della Chiesa, su cui circolano anche «commenti e informazioni viziate e deformate». La Festa di questi giorni ci richiami alla «necessità di riscoprire e proporre Avvenire come canale di formazione a livello laicale e pastorale».


Mons. Palletti ha sottolineato la folta partecipazione di popolo, «autentico protagonista della Festa», e ha espresso gratitudine per un evento nato a livello parrocchiale e ora punto di riferimento nazionale. Ideatore è stato don Franco Ricciardi, scomparso poche settimane fa, per il quale Avvenire era «un valido strumento di conoscenza e formazione, che usava anche per la pastorale». A don Franco è succeduto don Carlo Ricciardi, e infine don Federico, a cui spetta «l’onore e l’onere della quarantesima edizione».

Commentando il Vangelo del giorno, che raccontava il miracolo della moltiplicazione dei pani e dei pesci, il vescovo ha sottolineato che «Gesù prima ha chiesto la disponibilità di alcuni, seppur pochi, pani e pesci». «Gesù vuole che ogni discepolo sia coinvolto nella sua opera. Non importa la quantità, perché poi Lui dà in sovrabbondanza. E’ un richiamo alla fede nel Signore Gesù, e a lasciare tutto nelle sue mani, le necessità del corpo e tanto più quelle dello spirito. Spesso, di fronte ai nostro limiti ci chiediamo: “Come può valere il nostro impegno nella storia?” Il Vangelo odierno ci incoraggia che basta poco per sfamare una moltitudine di fratelli. E oggi c’è tanta fame di senso della vita e della storia. A tutti, un rinnovato augurio di cammino nella verità!».

Al termine della Santa Messa, ha preso la parola il direttore Marco Tarquinio, che ha ringraziato per l’ampia partecipazione e ricordato l’importanza del tema della Festa: “Costruire un mondo nuovo”, sottolineando, tra gli argomenti trattati, i cristiani perseguitati e il gioco d’azzardo.

Giù domani sera, lunedì, alle 21, in Rotonda Vassallo a Lerici, si terrà un dibattito dal titolo “Cristiani in Medio Oriente, musulmani in Europa: la sfida della convivenza”, con Giorgio Paolucci, già vice-direttore di Avvenire, e il professor Wael Farouq, musulmano, docente di scienze linguistiche all’Università cattolica del Sacro Cuore di Milano. Durante la serata, interverrà in diretta via Internet, dall’Iraq, il vescovo di Baghdad.

Dopo l’inaugurazione, nel campetto della canonica c’è stata la prima delle quattro “cene insieme” (le altre sono questa sera e sabato e domenica prossima), con il gioco della tombola e tanti volontari, tra cui molti giovani e giovanissimi, a rendere possibile la serata.

Più informazioni su