laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Il commento – I tre leader della mediana aquilotta

Più informazioni su

Brezovec battoeuna punizione, accanto a lui Situm e Juande – Foto Patrizio Moretti 

Errasti, Juande, Brezovec, tre “capitani” e tre leader delle squadre nelle quali militavano prima di approdare nel golfo, tre giocatori di personalità e temperamento che sanno fare gioco e recuperar palla

LA SPEZIA – Errasti, Juande, Brezovec.
Tre nomi e tre caratteristiche differenti comporranno quella che sarà la mediana titolare, o quasi, per la stagione che sta per cominciare.

Tre giocatori che, dati alla mano, posseggono doti massicce di esperienza, di sagacia tattica e di spirito di sacrificio.

Doti queste fondamentali in un campionato come quello di serie B che è duro a morire, ad ogni partita, su qualunque campo.

Campionato in cui non puoi permettere di fare bene una fase, e “benino” l’altra. Si rischierebbe l’anonimato.

ErrastiJuandeBrezovec, tre “capitani” e tre leader delle squadre nelle quali militavano prima di approdare nel golfo, tre giocatori di personalità etemperamento che sanno fare gioco e recuperar palla, nel solco della miglior caratteristica moderna in tema di centrocampisti.

Un trio che profumerà di 4-3-3 per le giornate in cui la coperta sarà da allungare leggermente di più, quando ci sarà bisogno di dare maggior coperturaalla difesa e maggior densità alla zona nevralgica del campo.

E’ sempre li, li nel mezzo, che le partite hanno un destino ben scritto, seppurimperscrutabile all’inizio.

Tre giocatori ognuno dei quali sa garantire massima predisposizione anche al 4-2-3-1, il modulo base col quale il mister intende dare l’assalto al campionato, proseguendo la strada intrapresa nella seconda parte del campionato scorso.

Fase in cui, gli automatismi di squadra e il sacrificio degli esterni offensivi, oltre che dei due davanti, hanno permesso ai due centrali di centrocampo di non trovarsi quasi mai “da soli” e scoperti.

Pericolo, questo, che nel 4-2-3-1 è sempre dietro l’angolo, specialmente quando le gambe non girano ancora a pieno regime e si incontrano squadre leste a ripartire e a “bucare” centralmente.

Sarà curioso scoprire l’atteggiamento tattico delle aquile nella prima, insidiosa trasferta di Bari, contro una squadra che, lista alla mano, pare essere una delle più serie candidate al salto di categoria diretto.

Sarà subito 4-2-3-1, o si sceglierà un modulo più prudente per cercare ripartenze veloci con Catellani e Situm a supporto di una punta centrale?

Mister Bjelica ha già la risposta pronta; ce la dirà domenica pomeriggio.

Dennis Maggiani – © Riproduzione Riservata
www.speziacalcionews.it

Più informazioni su