laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Marcia a piedi scalzi per la solidarietà turbata da cinquanta puntine sparse da sconosciuto

Più informazioni su

LA SPEZIA – La marcia a piedi scalzi a favore della solidarietà dei migranti, ha avuto sì un successo di adesioni ma è stata turbata oggi pomeriggio da un gesto di pessimo gusto. Durante il percorso un individuo, pare un giovane che indossava, secondo la Polizia di Stato, un pantalone di jeans corto e una t-shirt e sandali, avrebbe sparso una cinquantina di puntine da disegno lungo il percorso che da Piazza Ramiro Ginocchio, attraverso Via Prione, raggiunge Molo Italia. Per fortuna nessuno è rimasto ferito. L'allarme era stato lanciato da una signora che ha subito contattato la Polizia di Stato. Immediatamente gli agenti della Digos e della Scientifica hanno avviato pronte indagini, contando anche sull'acquisizione delle numerose telecamere presenti lungo il tragitto. Tornando all'iniziativa, tra gli aderenti anche l'ex sindaco e presidente dell'Associazione Mediterraneo, Giorgio Pagano, il quale ha sottolineato il significato simbolico di questa iniziativa per un'Europa Diversa.

L'assessore al turismo del Comune capoluogo, Francesca Angelicchio, ha rilevato come «in questo periodo drammatico per i migranti siano fondamentali i diritti umani imprescindibili e universali».

Alla marcia a piedi scalzi hanno aderito Arci, Anpi Sezione Centro, Associazione Culturale Mediterraneo, Associazione Saharawi Laboratorio di Pace, Caritas Diocesana, Chiesa Metodista, Cgil,Cisl, Emergency, Gruppo Azione Non Violenta, Lega Ambiente, Libera, Marcia Onlus, Prc, Se non ora quando e il politico lericino Michele Fiore.

Gli organizzatori hanno spiegato che li ha spinti a questo corteo «l'urgenza politica ed etica di fronte alla strage di centinaia di migranti in mare».

Claudia Verzani

Più informazioni su