laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Il Fai “svela” il progetto di Case Lovara con due visite al promontorio del Mesco

Più informazioni su

LEVANTO – Due visite organizzate dal Fai a Case Lovara, per raccontare lo stato di avanzamento del progetto di ristrutturazione e riqualificazione del complesso (45 ettari di terreni con tre piccoli fabbricati rurali situati sul promontorio del Mesco, nel Comune di Levanto, all’interno del Parco nazionale delle Cinque Terre)  che il “Fondo Ambiente Italiano” ha ricevuto in donazione nel marzo 2009 dall’Immobiliare Fiascherino, e che è oggetto di un progetto sperimentale di recupero e riqualificazione colturale orientato alla valorizzazione delle produzioni agroalimentari, al controllo dell’erosione e alla valorizzazione della biodiversità del paesaggio rurale.

Mercoledì 16 settembre, nell’ambito della “Giornata del cantiere”, il progetto verrà presentato ad istituzioni, amministratori locali e sponsor dell’iniziativa. Saranno infatti presenti sul posto i sindaci di Levanto (Ilario Agata) e Monterosso (Emanuele Moggia), il direttore generale del Parco nazionale delle Cinque Terre (Patrizio Scarpellini), il direttore generale del dipartimento Agricoltura, turismo e cultura della Regione Liguria (Luca Fontana), il soprintendente alle Belle arti e al paesaggio della Liguria (Luca Rinaldi) e la presidente della Fondazione Zegna (Anna Zegna), l’azienda che sostiene il progetto. A fare gli onori casa, per il Fai, il vicepresidente esecutivo, Marco Magnifico, e il responsabile dell’ufficio tecnico, Roberto Segattini.

Sabato 19 settembre, poi, nel corso della “Giornata del panorama” che il Fai, insieme alla Fondazione Zegna, dedica al patrimonio paesaggistico italiano, dalle ore 10 alle 18 si potrà partecipare agli speciali itinerari organizzati a Case Lovara, con partenza dall’hotel “Giada del Mesco” e una sosta per ammirare la vista del complesso e assistere ad una descrizione topografica dell’area circostante ad opera dei volontari della delegazione Fai della Spezia.
Ai partecipanti verranno illustrati i progressi nelle operazioni di recupero, riqualificazione e ristrutturazione svolte fino ad oggi, sia dal punto di vista edile che da quello ambientale, agreste e rurale, con una breve dimostrazione di ricostruzione e restauro di porzioni dei vecchi muretti a secco. Chi non se la sente di affrontare la camminata può comunque trovare alla “Giada del Mesco” accoglienza, materiale illustrativo e un filmato su Case Lovara; oltre, naturalmente, alla possibilità di iscriversi al Fai.

Più informazioni su