laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Visita al Padiglione Italia Expo 2015

Più informazioni su

MILANO – Vivaio Italia
Il concept guida del Padiglione italiano è “Vivaio Italia”: uno spazio protetto che aiuta i progetti e i talenti a germogliare, offrendo loro un terreno fertile in grado di dare visibilità e accoglienza alle energie giovani che operano nel Paese.
La metafora del vivaio si presta a molteplici interpretazioni, valorizzando alcuni aspetti della cultura e della società italiana in questa fase di cambiamento: un vivaio di idee, proposte, soluzioni, per tutto il Paese. Soluzioni che il Paese Italia offre alla comunità globale. Uno spazio di crescita, sviluppo, formazione. Un laboratorio. Uno spazio di visibilità per le energie giovani del nostro Paese, che attiverà, tra gli altri, Università e sedi di ricerca.


 
Orgoglio Italia
“Orgoglio Italia” è il “vision statement” che caratterizza lo spirito di Padiglione Italia.
“Orgoglio Italia” è la riaffermazione del contributo straordinario che l'Italia darà a questa esposizione universale; significa, con spirito di realismo, prendere coscienza delle sfide che il Paese deve affrontare oggi, con uno sguardo positivo verso il domani.
 
L’ESPERIENZA DEL VISITATORE A PADIGLIONE ITALIA: UN GRANDE RACCONTO COLLETTIVO
Padiglione Italia è il luogo dove si coltivano risposte ma è anche lo spazio in cui, maieuticamente, si pongono domande, e si stimola il senso critico dei visitatori coinvolgendoli attivamente in una esperienza che è al tempo stesso sorprendente, divertente, stimolante, ed educativa.
Padiglione Italia è un grande vivaio, il terreno di cultura dove germogliano e crescono i semi del futuro. Semi che l'Italia offre al mondo intero come contributo sul tema “Nutrire il pianeta, energia per la vita”.
 
PALAZZO ITALIA
La Casa dell’identità italiana


 
Padiglione Italia propone risposte e contenuti di approfondimento disposti secondo quattro assi concettuali: la potenza del saper fare, la potenza della bellezza, la potenza del limite, la potenza del futuro.
 
A Palazzo Italia il visitatore potrà vivere un’esperienza immersiva per comprendere ed esplorare l’essenza del significato di ‘identità italiana’, una visione chiara e coerente in tutti gli ambienti espositivi, un percorso che susciterà orgoglio di appartenenza nei visitatori italiani e rinnovata curiosità e stimolo nei visitatori internazionali.


 
Questo percorso può essere sintetizzato in quattro valori cardine, le ‘potenze’ dell’Italia, individuate grazie ad un lungo lavoro con Censis e Aaster ed esplose con le Regioni in due anni di lavoro sul territorio.

  1. Potenza del saper fare: creatività, eccellenza, innovazione
  2. Potenza della bellezza: turismo, qualità della vita, paesaggi d’Italia
  3. Potenza del limite: tradizione, gestione delle risorse, resilienza
  4. Potenza del futuro: i semi del futuro, i semi naturali ed i semi imprenditoriali

PIANO TERRA
Icona d’arte


 

Al piano terreno è l'arte contemporanea italiana ad offrire i primi spunti di riflessione ai visitatori. Un dialogo tra classicismo e contemporaneità perfettamente in linea con gli stilemi proposti da Padiglione Italia.
 
Le opere d'arte si inseriscono in modo funzionale nel percorso che si snoderà all’interno del Padiglione  per rappresentare l’identità di tutta l’Italia.
 
L’esposizione di Padiglione Italia vanta la presenza di una scultura realizzata appositamente per Expo Milano 2015 da Vanessa Beecroft, artista italiana fra le più note nel panorama internazionale. Jennifer Statuario, questo il nome dell’opera, si compone di due sculture entrambe ricavate dal calco dal vero della sorella dell’artista. Lo stile utilizzato è quello classico-figurativo, mentre la posizione della scultura, posta a testa in giù, insieme ad altri elementi, ha lo scopo di destabilizzare l’idea di classicità, rappresentata invece appieno da un’altra opera del percorso artistico, la Hora, avvicinandosi al concetto di “membre fantome”, la cosiddetta sindrome dell’arto fantasma, che l’artista indaga nelle sue opere a partire dal 1993.
 
La statua di Hora, realizzata in marmo lunense di Carrara, appartiene probabilmente al I secolo d.C. con integrazioni quali la testa, la base e parte delle mani, risalenti a metà del XVI secolo. La dea è vestita di un drappo a pieghe, le cui stoffe modellate ne delineano le forme classiche al punto tale da rendere quasi reale l’impalpabilità della veste. Le donne tornano ad essere vere protagoniste di Padiglione Italia, come era già avvenuto in occasione dei progetti realizzati con WE-Women for Expo, volti a ribadire la centralità che rivestono nella società e nella famiglia.
 
Due opere pregne di significati coerenti con i temi di Expo 2015, in cui la donna è protagonista, dialogano fra passato e futuro.

PRIMO PIANO
La potenza del saper fare


21 storie da 21 regioni che raccontano il nostro saper fare, ovvero: ingegno, creatività applicata, innovazione attraverso un’installazione di sculture raffiguranti uomini e donne che compongono una sorta di “tableau vivant”. Una rappresentazione ultramoderna di professioni capaci di rappresentare le attività economiche più significative e distintive del territorio. Storie di donne e uomini impegnati ogni giorno a rendere la nostra terra ricca e produttiva.

SECONDO PIANO
La potenza della bellezza


 

Il percorso inizia con una presa di coscienza: la “distress chamber” e il TG NEWS WALL (monitor con news feed su emergenze ambientali) costringono ad una esperienza di stress psico-fisico e invitano, in modo perentorio, ad una riflessione sullo stato del nostro pianeta.
Dopo questo ‘scossone’ iniziale, il visitatore potrà immmergersi in tre stanze altamente simboliche che rappresentano la vera potenza della bellezza italiana: paesaggi, architetture e dettagli di interni mozzafiato ripresi con tecniche che valorizzeranno la loro unicità.
Le vedute, gli interni, i paesaggi saranno replicati visivamente grazie ad un sistema a specchi (riflessioni) e a tratti scomposti (caleidoscopio) per produrre una visione originale, un nuovo sguardo sulla bellezza e un effetto di riproduzione infinita che avvolge il visitatore.
Nella visione proposta il concetto di bellezza è inquadrato all'interno dei canoni prospettici.
Canoni che si manifestano nella disposizione dei paesaggi (sempre ad “orizzonte coerente” rispetto all’osservatore) e nella struttura della stanza. “Prospettiva” intesa anche come metafora del “guardare oltre”:  sinonimo di visione e capacità progettuale.
Ma bellezza è anche lavoro, lavoro per preservarla e tutelarla e in coerenza con l'intero percorso narrativo, cercheremo un effetto memorabile, per produrre una riflessione nel visitatore sull'importanza del mantenimento e recupero del nostro enorme patrimonio artistico.
 
Un percorso a contrasto: il visitatore avrà modo di rivivere in tutta la sua drammaticità il momento del crollo della Basilica di San Francesco. Il filmato del crollo proiettato e per terra cocci, detriti, macerie. Di fianco, immagini di come si presenta oggi la volta affrescata e la Basilica integra grazie allo straordinario intervento di recupero.
 
Un ulteriore momento di riflessione attende il visitatore, con l’installazione “Italia: se non ci fosse?“ l'installazione invita il pubblico, attraverso un grande plastico del Mediterraneo in cui manca la nostra penisola, a riflettere su cosa sarebbe oggi il mondo senza l'Italia.
Video-interviste a personalità di fama mondiale forniranno ulteriori spunti di riflessione ai visitatori. Uno stratagemma visivo, raccontato attraverso una installazione tridimensionale posizionata al centro dello spazio espositivo, diventa l'occasione per riflettere sull'impatto e l'importanza dell'Italia nel sapere e nella cultura dei paesi del Mediterraneo e, probabilmente, del mondo intero.
 
Al termine del piano, il visitatore sarà accolto da un’ultima sorpresa: l’installazione che parlerà di bellezza vissuta con gli altri sensi.
Un percorso sensoriale al buio accompagna i visitatori a scoprire un mercato attraverso udito e olfatto.
Ad un primo momento di disorientamento segue una iper-attivazione delle capacità sensoriali pronte a recepire e interpretare gli stimoli proposti sotto forma di odori, forme e consistenze diverse.
Al termine del percorso il visitatore ri-guadagna la visione e scopre “La Vucciria” di Renato Guttuso, perfetta sintesi degli stimoli raccolti nel percorso in assenza di vista.
Un capolavoro da riscoprire e di cui godere la maestosità.
L’arte, come epilogo del viaggio nella bellezza, sancisce definitivamente il patto uomo-cibo-territorio.
 
TERZO PIANO
La Potenza del limite e la potenza del futuro


Creatività ed ingegno dalle regioni e dai territori; il futuro raccontato come superamento di un limite.
Storie di persone, normali e straordinarie che, grazie al loro ingegno, hanno vinto battaglie contro piccole e grandi avversità, trasformando gli ostacoli in idee che cambieranno il nostro futuro. Ologrammi, oggetti e brevi cortometraggi saranno gli strumenti di racconto.
La presenza dominante di una replica dell'Albero della Vita al centro della stanza, con le sue fronde in diretta connessione con i protagonisti del racconto, simboleggia la metafora su cui si basa l'intero percorso del padiglione e completa la risposta italiana ai quesiti posti da Expo 2015.
 
La biodiversità italiana 
21 piante dalle regioni e dai territori italiani: il vivaio Italia


 
“Future seeding”: la biodiversità italiana. 21 piante, una pianta per regione, per raccontare la straordinaria biodiversità del paesaggio italiano. Un’altra installazione, ispirata al lavoro di un grande pedagogo italiano offre un momento ludico che consentirà al visitatore di portare con se un segno tangibile della visita a Palazzo.
 
Il terzo piano offre anche un’aula scuola, luogo deputato ai laboratori educativi delle scuole oltre allo spazio Bruno Munari per Expo 2015, l’installazione gioco per imparare, in maniera divertente, a riconoscere le diverse piante d’Italia e collocarle nelle regioni di origine.
 
La risposta dell’Italia ai temi di Expo “Nutrire il pianeta, energia per la vita” è la Carta di Milano.
 
IL CARDO
Gli spazi espositivi: “A storytelling journey”.
Il Cardo è la strada che percorre tutto il Padiglione Italia.
I contenuti presenti nel cardo si innestano all'interno dei concept: Produzione, Evoluzione, Natura. Una festa visiva e sensoriale.
Le Regioni Italiane presenteranno contenuti trasversali e coerenti con i temi di Padiglione Italia e Expo 2015, con un focus specifico sul patto uomo-cibo-territorio.
Inoltre nel Cardo, il visitatore è accompagnato alla scoperta, attraverso installazioni, storie ed assaggi, dell'eccellenza della produzione italiana agroalimentare.
Per orientarsi in questo divertente racconto, il visitatore sarà guidato da una APP che di volta in volta indirizzerà, fornirà approfondimenti e spunti a seconda del ‘palinsesto’ della giornata.
 
L'ALBERO DELLA VITA
Segno italiano, icona globale
“L'Albero della Vita” è il segno fisico che sintetizza il percorso concettuale del Padiglione: affonda le proprie radici nelle eccellenze del Paese Italia (Palazzo Italia, spazi espositivi) le raccoglie (Cardo), e le offre con un gesto ampio e simbolico, che ricorda la diffusione dei semi (L'albero della Vita).
 
L'Albero affonda le proprie radici nella potenza delle eccellenze italiane le raccoglie e, con un gesto plastico e altamente simbolico, le proietta verso il cielo quasi per ridistribuirle a favore dell'intero pianeta.
L'Albero è il collettore della straordinaria varietà italiana, della potenza e della capacità, propria del nostro paese, di produrre bellezza.
Le origini del nostro albero sono profondamente ancorate nel nostro patrimonio culturale. È difronte ai mosaici del Duomo di Otranto, che questa immagine ha, per la prima volta, emozionato Marco Balich. L’eco e le influenze di questo simbolo si ritrovano sia nel pavimento del Campidoglio di Michelangelo, sia nella tradizione orientale: in numerose culture del mondo, lo ritroviamo, come elemento dall'alto valore storico e spirituale, ma è anche, grazie al cinema, un segno iper-contemporaneo nell'immaginario collettivo.
 
Realizzato grazie agli sponsor Coldiretti, Pirelli, al lavoro di Orgoglio Brescia, consorzio di 19 imprese Bresciane e allo Studio Giò Forma.
 
La struttura, con i suoi 37 metri di altezza e una circonferenza di 45 metri è pensata per essere una macchina scenica che offrirà al pubblico uno spettacolo ogni ora per tutta la durata dell’esposizione universale con fontane, musica, luci, colori, proiezioni e spettacoli pirotecnici.

Più informazioni su