laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Il “Cannone” di Paganini a Expo Milano 2015 per la settimana della Liguria

Più informazioni su

A suonarlo è Laura Marzadori primo violino della Scala

MILANO – "È una grandissima emozione suonare il 'Cannone' di Paganini, uno strumento su cui si sente ancora l'impronta che ha lasciato questo grandissimo musicista e compositore. Il suono di questo violino è particolarissimo, perché unisce la morbidezza a una grandissima potenza. È raro trovare due qualità così diverse in un unico strumento".

A raccontare la sensazione di esibirsi con il violino appartenuto Niccolò Paganini è Laura Marzadori, bolognese, appena 26 anni, da maggio primo violino di spalla dell'Orchestra della Scala di Milano, che nell'auditorium di Palazzo Italia ha stregato con le sue note il pubblico di Expo Milano 2015. 

Il concerto "Liguria e Lombardia, gli accordi che uniscono – Il violino di Paganini sulle note dell’eccellenza”, si è tenuto nell'ambito della settimana dedicata alla Liguria all'Esposizione Universale. La scelta dello strumento non è stata casuale, spiegano gli organizzatori. Questo violino è un ponte tra le due Regioni. Il “Cannone", realizzato nel 1743 da Benedetto Guarneri detto "del Gesù" è uno dei più grandi capolavori della liuteria cremonese, il sogno proibito di qualsiasi violinista. Paganini probabilmente lo ricevette in dono nel 1802 a Livorno e lo predilesse tra tutti i violini che possedeva. È uno strumento unico, perché le sue parti principali sono giunte intatte fino a noi. La vernice è ancora quella originale e, nella parte terminale della tavola armonica, è visibile il segno dell’uso da parte di Paganini che, come tutti i suoi contemporanei, suonava senza usare la mentoniera, poggiando il mento direttamente sullo strumento. Il “Cannone” divenne un eccezionale partner per i virtuosismi di Paganini che sviluppò nuove tecniche violinistiche sfruttando al massimo le potenzialità dello strumento. Il musicista lo lascio in eredità alla città di Genova dove è conservato nella Sala Paganiniana di Palazzo Tursi, come parte del percorso espositivo dei Musei di Strada Nuova.

Il pubblico di Expo Milano 2015, che ha assistito entusiasta al concerto, ha partecipato a un evento straordinario non solo per la bravura dell'esecutrice, ma anche perché, per ragioni di conservazione, lo strumento non viene suonato frequentemente. L’ultima “esibizione” in trasferta del violino era stata quasi dieci anni fa, nel 2006, in Scozia, al City Hall di Glasgow. 

"Sono felice di suonare a Expo Milano 2015 – ha commentato Laura Marzadori – è un evento importantissimo, che unisce popolazioni e culture. L'Esposizione Universale può essere paragonata allo scopo della musica, che oltre ad avere un valore come arte, ha delle finalità comunicative di unione tra le persone”. 

Più informazioni su