laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Mister Bjelica: “Meno belli rispetto alle altre gare, ma la vittoria è meritata”

Più informazioni su

Mister Nenad Bjelica – Foto Patrizio Moretti 

Oggi abbiamo variato mettendo in campo un 4-3-3 invece che un 4-2-3-1 come nelle scorse partite, ma tante volte, in passato, abbiamo modificato lo schieramento anche a gara in corso, traendone vantaggio. L'espulsione? Un'incomprensione.

Sala stampa dell’Arechi, ti spetti un Nenad Bjelica completamente soddisfatto per la vittoria su un campo ostico, ma invece il mister croato non lo è pienamente.

Infatti commenta la gara in questo modo: “Abbiamo ottenuto tre punti importanti, su un campo davvero difficile, ma devo dire che molto probabilmente quella odierna è stata la peggiore delle prestazioni, in queste prime tre giornate. Ovvio che sono contento del risultato, ma non della prova complessiva della squadra. Rispetto alle gare con Bari e Pro Vercelli, oggi abbiamo fatto meno errori difensivi e quindi abbiamo rischiato poco, ma dal punto di visto del gioco espresso, soprattutto quello offensivo, non siamo stati all’altezza delle gare precedenti“.

E’ comunque arrivata una vittoria: “Si, ma non è stata la partita perfetta che volevamo, dal minuto 20′ al 70′ non abbiamo controllato il gioco come avremmo dovuto, ma i tre punti sono senza dubbio meritati, devo dire che la Salernitana è una squadra quadrata e pericolosa, con giocatori importanti per la categoria e continuo ad essere sicuro che a fine anno gli uomini di Torrente saranno tra le prime otto del campionato, anche perché all’Arechi non sarà facile per nessuno“.

Il cambio di modulo? “La mia squadra può cambiare sistema di gioco senza problemi, oggi abbiamo variato mettendo in campo un 4-3-3 invece che un 4-2-3-1 come nelle scorse partite, ma tante volte, in passato, abbiamo modificato lo schieramento a gara in corso traendone vantaggio. Sono molto contento per ragazzi come Calaiò, Canadjija e Kvrzic che nelle prime due giornate avevano trovato poco spazio, hanno dimostrato ancora una volta come questa rosa ha qualità in tutti i suoi elementi“.

Calaiò ha fatto bene: “Nelle prime due partite aveva già fatto vedere di cosa era capace, pur nei pochi minuti che aveva avuto a disposizione, ed oggi si è fatto trovare pronto, impensierendo costantemente il reparto difensivo dei padroni di casa e consentendo alla nostra squadra di salire e prendere fiato.Davanti a noi c’è un lungo campionato e nell’immediato due sfide molto difficili in pochi giorni, ma noi continueremo a lavorare con la serenità che ha caratterizzato anche le prime due settimane senza successi. Una vittoria non ci rende certo euforici, resteremo concentrati, la prossima partita è per noi la più importanti, quindi festeggiamo questa sera, perché da domani mattina si tornerà a lavorare per continuare a crescere sia dal punto di vista del gioco che dei risultati“.

Cosa è successo nell’espulsione? “C’è stata sicuramente un’incomprensione con il direttore di gara, anche perché io stavo solamente dicendo a Milos di restituire la palla agli avversari, visto che non si capiva se l’avevano gettata fuori in maniera volontaria o no, non c’è stata alcuna discussione, ne con l’arbitro ne con gli avversari“.

© Riproduzione Riservata
www.speziacalcionews.it

Più informazioni su