laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Trittico Santerenzino di Nuoto

Più informazioni su

LERICI – Sabato si è conclusa la puntata settembrina del Trittico Santerenzino di Nuoto. La manifestazione continua a chiamarsi Trittico anche se in realtà il suo svolgimento abbraccia ben più di tre eventi, proponendo tutto l’anno vari incontri con l’acqua di mare, ognuno con una sua identità.

L’inizio è a Giugno, con il Miglio Blu: si parte da Lerici e si arriva a Villa Magni di San Terenzo, proprio dove Mary Godwin e Jane Williams aspettarono invano il ritorno del poeta, ormai quasi due secoli fa.
Si continua nella intensa due giorni di Luglio, quando a San Terenzo arrivano tra i migliori nuotatori in acque libere d’Italia. Tra le varie gare ce ne è sempre una di soli ottocento metri dedicata agli amatori del mare, a tutti quelli che vogliono nuotare un po’.

Indi ad Agosto la nuotata libera per tutti, ‘Unsologolfounsolomare’, epiteto coniato dall’architetto Giuseppe Brusacà, con la voglia di unire luoghi spesso legati invece da polemiche. Questa manifestazione è nata una ventina d’anni fa, creata da allora giovani rappresentanti di Serra, Lerici e San Terenzo. Si arriva, ci si butta in mare e si nuota assieme, senza formalità alcuna.

La penultima puntata del Trittico si gioca a Settembre, in un altro Sabato e Domenica congiunto. Tale pagina ha il sapore del saluto all’estate: certi nuotatori quando escono dal mare tremano anche un po’ per il freddo.
Freddo che sarà più intenso nella giornata del ‘Cimento Catodico’, che si terrà il prossimo 6 Gennaio 2016. Questo evento è organizzato dai giovani del Comitato Trittico, gli ingegneri Marco Pini e Norbert Frroku. La frase che si sente ormai dire in giro è questa: ‘Lo fai il bagno per la Befana?’.

In sintesi l’organizzazione capitanata da Luigi Questa ha condotto San Terenzo ad essere una delle località del Nord Italia più importanti per quanto riguarda il nuoto in acque libere.

Infine i risultati delle gare di Sabato: per gli agonisti femmine ha vinto Alessia Feroldi, per i maschi Matteo Paoloni.

Più informazioni su