laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Le Interviste | Nenad Bjelica: “La differenza l’ha fatta la nostra voglia di vincere”

Più informazioni su

Nenad Bjelica esulta sotto la Curva – Foto Patrizio Moretti

Nel primo tempo non abbiamo difeso come volevo io, specie a centrocampo, abbiamo dato troppo spazio a Luci e Schiavone, molto meglio nella ripresa.

Dalla gioia sotto la Curva della tifoseria, alla pacatezza in sala stampa, Nenad Bjelica racconta Livorno – Spezia ai taccuini dei giornalisti.

nella seconda frazione, abbiamo dominato la partita

Mister una gara tattica, fisica, magari non spettacolare, ma intensa:Una partita combattuta, con un primo tempo nel quale non abbiamo giocato come avrei voluto, andando in vantaggio, ma magari non meritandolo, ma nella seconda frazione, abbiamo dominato la partita, avuto delle situazioni offensive che potevamo sfruttare meglio, alla fine però, dopo il pari, abbiamo avuto la fortuna di fare il secondo gol. Quella che non abbiamo avuto con il Bari o con la Pro Vercelli. ma il calcio è questo, a volte ti tocca la fortuna, altre volte no. Ma noi dobbiamo continuare a lavorare giornalmente, perché vogliamo restare dove siamo adesso“.

nel gol subìto non siamo stati svegli

Ti sarai arrabbiato per il gol preso, visto che abbiamo concesso troppo spazio a Pasquato: “Si è vero, ma è stato l’unico errore del secondo tempo, siamo stati penalizzato con il loro gol, ma devo dire che nel primo tempo invece non abbiamo difeso come volevo io, specie a centrocampo, abbiamo dato troppo spazio a Luci e Schiavone e non abbiamo avuto la partita sotto controllo. Meglio invece nella ripresa, quando abbiamo attaccato il centrocampo avversario, però resta il fatto che nel gol non siamo stati svegli, ma anche che Pasquato è un ottimo giocatore che ha questi colpi, lo sapevamo, ma non abbiamo fatto abbastanza“.

io non regalo nulla a nessuno

Formazione iniziale un po’ a sorpresa con Acampora titolare e Ciurria schierato a gara in corso: “Io seguo i ragazzi in tutta la settimana e quindi se faccio giocare Acampora vuol dire che se lo merita, come se faccio giocare Ciurria, è perché lo vedo recuperato e voglioso di far bene, io non regalo nulla a nessuno. I giocatori lo sanno, a Salerno è toccato a Canadjija, oggi ad Acampora, mi sono piaciuti entrambi. Anche Martic e Nenè che avevano giocato poco nelle due precedenti partite, si sono fatti trovare pronti“.

eravamo preparati per il 4-2-3-1 del Livorno

Mister si aspettava un Livorno con questa formazione, specie la scelta Jelenic? “L’unica sorpresa è stata quella di Jelenic, al posto di Pasquato, ma anche lui è un grande giocatore, che nel primo tempo ha fatto bene, ha caratteristiche diverse rispetto a Pasquato, ma comunque noi eravamo preparati per un avversario schierato con il 4-2-3-1 e così è stato per tutta la gara“.

Mario Situm è da Nazionale

E’ stata vincente la mossa di mettere Ciurria a destra e portare Situm a sinistra nel finale: “Sappiamo che Mario si trova meglio a sinistra, ma anche Catellani si trova meglio partendo da quella posizione, ma oggi hanno fatto bene entrambi, anche Situm a destra, ha fatto il gol, è stato pericoloso, ha lavorato per la squadra, posso fargli i complimenti, come li faccio a tutta la squadra. Ma c’è da dire che Mario ha una forza incredibile, per me è un giocatore da Nazionale, magari non lo vedono e considerano di più giocatori che militano in Serie A o in Bundesliga, ma lo ripeto, lui può fare il titolare della Croazia“.

La cabala? verrà sfatata

Mister si ricordi però che la cabala dice che lo Spezia quando vince a Livorno, non vince il Campionato: “Non lo sapevo, ma per me le statistiche non sono così importanti, ma comunque mi auguro che la cabala venga sfatata. Anche perché erano 75 anni che non si vinceva a Salerno e la settimana scorsa ci abbiamo vinto, questo è uno Spezia diverso, uno Spezia che può sfatare ogni tradizione“.

la differenza l’ha fatta la voglia di vincere

Si sono affrontate due squadre solide, che hanno segnato nel momento migliore dell’avversario, il Livorno ha provato a vincerla e l’ha vinta lo Spezia: “Penso che può essere un’analisi giusta, ma credo che la differenza l’abbia fatta la voglia di vincere della mia squadra, sapevamo il significato di questa vittoria per i nostri tifosi e volevamo dare tutto per ottenerla, poi poteva anche finire diversamente. Vogliamo dedicare questo successo a tutti quelli che sono venuti a Livorno, ma anche a tutti quelli che ci seguono tutte le settimane”.

Migliore lavora bene in fase difensiva, ma anche in attacco

Uno Spezia che ha attaccato prevalentemente sulla sinistra, era una scelta o è stato un caso? “E’ un caso, ma il nostro lato sinistro di solito è molto forte, con Migliore e Situm, oggi con Catellani, sono giocatori che vanno bene assieme. Siamo veramente molto contenti di avere un giocatore come Migliore che lavora bene in fase difensiva, ma si fa trovare anche pronto in attacco, come oggi in occasione del primo gol. Ma oggi, al di là della fascia in cui abbiamo giocato meglio, tutta la squadra ha meritato questa vittoria“.

Enrico Lazzeri – © Riproduzione Riservata
www.speziacalcionews.it

Più informazioni su