laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Trasferta di Lanciano | Rimane sospesa la vendita dei taglianti per la tifoseria spezzina!

Più informazioni su

La vendita dei tagliandi per i residenti nella Regione Liguria resta dunque sospesa, in attesa della decisione ufficiale da parte delle autorità competenti

LA SPEZIA – Bloccata la vendita già da ieri pomeriggio, i tagliandi per la trasferta diLanciano resteranno bloccati e quindi difficilmente i tifosi spezzini potranno essere presenti al “Biondi“.
Il motivo è presto detto, è stato rilevato un lancio di oggetti, un estintore svuotato e qualche seggiolino danneggiato, da parte dei tifosi che hanno raggiunto Livorno con il treno: in attesa quindi delle determinazioni dell’autorità competente con l’eventuale identificazione del o dei responsabili di questi danneggiamenti, a pagare sarà tutta la tifoseria spezzina.
Di seguito il comunicato della società spezzina:

Nella giornata odierna, il Comitato di Analisi per la Sicurezza delle Manifestazioni Sportive (CASMS), visto il Protocollo d’intesa siglato dal Ministero dell’Interno, dal Presidente del C.O.N.I., dal Presidente della Federazione Italiana Gioco Calcio, dai Presidenti della Lega di serie A, serie B e Lega Pro in data 21 giugno 2011 e la determinazione dell’Osservatorio Nazionale sulla Manifestazione Sportive n. 26 del 30 maggio 2012, ha adottato per l’incontro Virtus Lanciano-Spezia, in seguito alle criticità poste in essere dalla tifoseria dello Spezia in occasione degli spostamenti in treno per assistere alla gara Livorno-Spezia del 26 settembre 2015, la seguente determinazione:
– divieto di vendita dei tagliandi ai residenti nella Regione Liguria per l’incontro Virtus Lanciano-Spezia, con contestuale sospensione dei programmi di fidelizzazione dello Spezia Calcio.
In seguito a tale determinazione, la vendita dei tagliandi per i residenti nella Regione Liguria resta dunque sospesa, in attesa della decisione ufficiale da parte delle autorità competenti.

© Riproduzione Riservata
www.speziacalcionews.it
 

Più informazioni su