laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Presentazione dell’Archivio Vinciguerra

Più informazioni su

Un patrimonio restituito alla comunità: documenti inediti che raccontano aspetti della vita economica, culturale e sociale della Val di Vara tra il XVI e il XX secolo

LA SPEZIA – Lunedì 5 ottobre, alle ore 17.30, presso la Fondazione Carispezia, in via Domenico Chiodo 36 alla Spezia, sarà presentato al pubblico l’Archivio storico del Palazzo Vinciguerra di Rocchetta di Vara.

L’Archivio Vinciguerra, un corpus inedito di documenti che testimonia le vicende di una delle famiglie più influenti della Val di Vara, è stato recentemente acquisito dalla Fondazione Carispezia e messo a disposizione del Comune di Rocchetta di Vara che ne garantirà la pubblica fruizione e l’opportuna valorizzazione.

L’Archivio è ora collocato nel Palazzo municipale di Rocchetta di Vara e avrà la propria sede definitiva nello storico Palazzo Vinciguerra, attualmente in restauro, in cui le preziose carte furono create e conservate per secoli.

L’acquisizione da parte della Fondazione si inserisce nei programmi di valorizzazione dell’identità storico-culturale del territorio dell’Ente e renderà possibile, di concerto con l’Amministrazione comunale e le Istituzioni preposte alla tutela e valorizzazione dei beni archivistici, la consultazione di questo patrimonio a studiosi e studenti.

L’Archivio si compone di 1.750 unità documentarie che ricoprono un vasto arco temporale, dal secolo XVI alla prima metà del secolo XX, e costituiscono un’importante testimonianza della vita economica, culturale e sociale della Val di Vara in tale periodo storico.

All’incontro nella sede della Fondazione interverranno il presidente della Fondazione Carispezia, Matteo Melley, il sindaco del Comune di Rocchetta di Vara, Riccardo Barotti, Francesca Imperiale, soprintendente Archivistico della Liguria, lo storico e archivista Franco Bonatti, coordinatore del Corpo Accademico dell’Accademia Lunigianese “G. Capellini”, e l’architetto Roberto Ghelfi che sta seguendo i lavori di restauro di Palazzo Vinciguerra.

A conclusione della presentazione, Giulia Ceroni, giovane musicista spezzina, eseguirà alla viola uno spartito inedito di N. Vinciguerra, parte del patrimonio archivistico recuperato.

Più informazioni su