laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Guerri: “Occorrono interventi per la messa in sicurezza della Strada Napoleonica”

Più informazioni su

Raffica di interrogazioni del consigliere d'opposizione- chiesti anche attraversamenti rialzati nei centri abitati.

LA SPEZIA – Il consigliere comunale Giulio Guerri, capogruppo della lista civica "Per la Nostra Città", ha presentato una serie di specifiche interrogazioni incentrate sul tema, sempre più attuale, della pericolosità della strada Napoleonica, con l'obiettivo di segnalare singole criticità e suggerire circostanziati interventi, nel quadro di una complessiva messa in sicurezza dell'arteria viaria. Nelle sue istanze Guerri chiama in causa Federici, sia in quanto Presidente della Provincia (l'ente proprietario della strada) sia soprattutto in quanto responsabile, come sindaco della Spezia, della sicurezza della parte di tracciato che appartiene al Comune capoluogo, e sul quale si affacciano i centri abitati di Acquasanta, Marola e Cadimare. Le richieste di Guerri, scaturite peraltro da un confronto con numerosi cittadini e da una serie di sopralluoghi, spaziano su vari aspetti della sicurezza, dai marciapiedi, agli attraversamenti pedonali, all'illuminazione, al posizionamento di alcune fermate bus, alla canalizzazione delle acque reflue, alla configurazione degli incroci più insidiosi, alla disposizione dei parcheggi a lato strada (con suggerimenti intesi a massimizzare sia lo sfruttamento degli spazi disponibili per i posti-auto sia la sicurezza dei percorsi pedonali e veicolari). "I numerosi incidenti, le tante segnalazioni di pericolo effettuate negli anni dalla popolazione e gli inconvenienti dovuti al ripetersi di episodi alluvionali rendono obbligatoria e non più rinviabile – afferma Guerri – una rivisitazione di tutto l'assetto stradale e lo stanziamento di idonee risorse economiche per consentire la rapida attuazione di interventi da cui dipendono l'incolumità delle persone e la vivibilità di frazioni fortemente penalizzate da sottovalutazioni, errori e rinvii." Fra le sue proposte Guerri suggerisce la realizzazione di attaversamenti pedonali rialzati in prossimità in particolare dei punti più a rischio, come ad esempio il rettilineo fra Marola e Acquasanta, dove la necessità di mettere in sicurezza gli attraversamenti risulta resa ancora più evidente dall'esigenza di contenere la velocità che i mezzi tendono ad assumere in un tratto di strada dritto ma culminante in una curva a gomito e dalla presenza di una scuola. Guerri punta l'attenzione, fra molti punti, anche sulla pulizia dell'alveo interrato del canale Caporacca, sia nel tratto fra l'Acquasanta e Porta Marola sia alla foce nonché sul relativo sistema di evacuazione delle acque piovane sulla superficie stradale, con bocchette da pulire, ampliare e altre da realizzare. Inoltre Guerri rinnova la richiesta di ricostruire l'integrità del percorso pedonale di Marola (zona incrocio con via Mori) e nel tratto fra Fabiano e l'Acquasanta; infine segnala serie problematiche di sicurezza rilevate dalla cittadinanza in merito al cantiere edile da anni abbandonato lungo viale Fieschi fra Marola e Cadimare: qui gli abitanti riferiscono di pesanti criticità nel deflusso dell'acqua piovana e di un sopravvenuto pericolo rappresentato dalla gru, che ha smesso di ruotare assecondando i venti e lascia quindi paventare inquietanti rischi dal punto di vista statico.

Più informazioni su