laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

La Capanna dei Partigiani – La Fondega – Termo Alto

Più informazioni su

Una pagina di storia che va conosciuta

LA SPEZIA – Programma dell’incontro pubblico con cittadini e studenti che avrà luogo sabato 10 ottobre 2015  con inizio alle ore 9.30 presso la Sala del Centro Sociale “E.Bassano” (Via delle Ville – Termo Alto)
– Ore 9.30 – apertura da parte di un membro della Sezione ANPI Levante
– Ore 9.45 –  interventi dei rappresentanti delle istituzioni politiche, sociali, religiose e dell’arte e di uno scrittore storico dell’ANPI provinciale
– Ore 10.30 – contributi da parte di studenti e insegnanti delle scuole medie del “2 Giugno”, “Melara” e “Prati di Vezzano”
– Ore 11.10 – visita in collina alla “Capanna dei Partigiani della Fondega” dove verrà posta una targa ricordo degli 11 giovani che costituirono il 1° nucleo Partigiano del Termo Alto che combatterono con le armi  e alcuni caddero in scontri a fuoco oppure fucilati dai nazi-fascisti.
Sono passati 70 lunghissimi anni dal 25 Aprile 1945 ed abbiamo ritenuto portare alla luce una pagina di storia della lotta antifascista e della Resistenza vissuta in quel periodo.

E’ la storia di 11 giovani, figli di famiglie di lavoratori che vivevano nella piccola realtà paesana del Termo Alto, i quali, durante gli anni di dittatura nazi-fascista, diedero vita ad un nucleo partigiano, che, oltre l’attività clandestina iniziata con grande coraggio, in seguito combatterono sulle montagne di Novigigola, Calice, Albareto, ecc., nelle file della gloriosa Brigata Vanni.

E’ la storia di giovani che credevano fermamente negli ideali di libertà e che hanno avuto il privilegio della scelta che richiedeva coscienza e solidarietà, contro le atrocità, le cattiverie e i mali di quel periodo storico, dove alcuni di loro caddero in combattimento o fucilati dalle belve nazi-fasciste.

Questa importante storia vogliamo ricordarla e farla conoscere a tutti i cittadini e giovani studenti delle scuole medie, i quali saranno presenti numerosi, accompagnati dai loro insegnanti e dirigenti scolastici. 

Più informazioni su