laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Il Touring Club festeggia in oltre 100 comuni la Giornata Bandiere arancioni

Più informazioni su

Domenica 11 ottobre l’Italia si colora di arancione, con “Exploring Bandiere arancioni. Storie di luoghi. Storie di persone”. Sono 9 le località liguri che partecipano: Airole (IM), Castelnuovo Magra (SP), Dolceacqua (IM), Perinaldo (IM), Pigna (IM), Pignone (SP), Seborga (IM), Triora (IM), Varese Ligure (SP). 

MILANO – Domenica 11 ottobre 2015 l’Italia si colora di arancione con “Exploring Bandiere arancioni”: più di 100 i borghi danno vita, dal Nord al Sud del nostro Paese, alla Giornata Bandiere arancioni,un’occasione unica per festeggiare la qualità, la cultura, la bellezza e l’accoglienza. Nei borghi che aderiscono all’evento visite guidateeventi,degustazionifeste e manifestazioni aperte a tutti, animano le località che si svelano a cittadini e viaggiatori attraverso le proprie eccellenze.

In Liguria sono 9 le località coinvolteAirole (IM), Castelnuovo Magra (SP), Dolceacqua (IM), Perinaldo (IM) , Pigna (IM), Pignone (SP), Seborga (IM), Triora (IM), Varese Ligure (SP).

Simbolo di una Italia minore ma non marginale la Bandiera arancione è l’esempio di un’Italia che funziona. L’assegnazione della Bandiera arancione, ad oggi su oltre 2.000 candidature solamente il 9% ha ottenuto il riconoscimento, porta numerose ricadute positive sul territorio. In particolare, favorisce il processo di miglioramento turistico e ambientale, un incremento dei flussi turistici, il dinamismo delle iniziative imprenditoriali e un aumento del numero di residenti.

La Bandiera arancione, insomma porta benefici reali e tangibili a favore di residenti e turisti e presenta un vero e proprio “circolo virtuoso”. I dati raccolti tra i comuni Bandiera arancione, inoltre, restituiscono un quadro estremamente interessante e, in molti casi, in controtendenza rispetto al resto del Paese.
 
*     I Comuni Bandiera arancione sono vivi
A livello demografico, per esempio, sembra smentito il fenomeno dello spopolamento spesso associato alle aree interne della nostra penisola. Nei borghi arancioni si registra infatti un incremento dell’8% di residenti (rispetto al 6,8% a livello nazionale).
 
*     I Comuni Bandiera arancione sono ricchi di cultura
In ogni Comune Bandiera arancione sono presenti mediamente 1,5 musei, quasi 5 volte in più di un qualsiasi piccolo Comune dell’entroterra e più del doppio della media italiana (0,6 musei per località).
 
*     I Comuni Bandiera arancione sono ricchi di natura e di prodotti tipici
Il 40% delle località certificate è situato in un’area naturalistica protetta e in più del 70% delle località Bandiera arancione i prodotti agroalimentari ed enologici sono anche tutelati e certificati, con un paniere di oltre 400 prodotti tra DOP, IGP, DOC, DOCG, IGT, prodotti agroalimentari tradizionali e marchi collettivi.
 
*     I Comuni Bandiera arancione sono in espansione turistica
Dal punto di vista dell’accoglienza, nei comuni arancioni ogni 1.000 abitanti sono presenti più di 7 strutture ricettive (2,5 la media italiana) e 6,7 ristoranti (5,7 la media italiana) e l’offerta di posti letto è in crescita e raggiunge 130.000 posti letto.
 
*     I Comuni BA sono green
L’80% dei Comuni BA produce energia da (almeno) una fonte rinnovabile: solare fotovoltaico, solare termico e idroelettrico. Se in Italia tutti i Comuni fossero virtuosi come le piccole località eccellenti, si potrebbe produrre il 60% in più di energia fotovoltaica, che sostituita all’energia prodotta da fonti di origine fossile, porterebbe a un risparmio stimato in più di 4 milioni di tonnellate di emissioni di CO2. I Comuni Bandiera arancione hanno unapercentuale media di raccolta differenziata pari al 49,2%, dato superiore alla media italiana che si attesa al 42,3%. Inoltre, un quarto dei Comuni supera la soglia del 65% di rifiuti raccolti in modo differenziato.
 
*     I Comuni Bandiera arancione sono socialmente impegnati
La dimensione del non profit, nel 92% dei casi operante sotto forma di associazione, è rilevante: ogni 1.000 abitanti si contano più di 6 istituti non profit, mentre a livello Italia il dato scende a 4,4. Il settore dei servizi pubblici, sociali e personali raccoglie più dell’80% degli istituti, tra cui prevalgono le attività ricreative, culturali e sportive. Nelle Bandiere arancioni risulta inoltre particolarmente forte la propensione al volontariato: in Italia vi è una media di 416 volontari per Comune nel settore non profit, mentre nelle località Bandiera arancione il dato sale a 438 volontari. Quindi il volontariato del non profit coinvolge il 10% della popolazione dei Comuni arancioni rispetto al 5,6% dei Comuni italiani.
 
Touring, attraverso l’iniziativa Bandiere arancioni, contribuisce concretamente alla valorizzazione e allo sviluppo del Paese selezionando, attraverso un percorso d’analisi che simula l’esperienza del viaggiatore e verifica oltre 250 rigorosi criteri, e certificando le località dell’entroterra con meno di 15.000 abitanti che non solo godono di un patrimonio storico, culturale e ambientale di pregio, ma sanno offrire al turista un’accoglienza di qualità,tutelando il territorio e perseguendo uno sviluppo turistico sostenibile.
 
Per maggiori informazioni e per il programma della Giornata Bandiere arancioni visitate www.bandierearancioni.it e su facebook con l’applicazione https://apps.facebook.com/bandierearancioni che permette di selezionare le località in base ai propri interessi (family friendly, wellness, sport, natura, etc).
 
Tutti i visitatori sono invitati a girare un breve filmato nel Comune Bandiera arancione preferito (qui le istruzioni: https://www.youtube.com/watch?v=jhNNuPu_II0), i più belli saranno pubblicati sulla pagina Facebook e sul sito di Bandiere arancioni.

Più informazioni su