laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

L’arte in Locanda a Casté

Più informazioni su

Inaugurazione sabato 17 alle ore 18.30

CASTE' – All’arrivare dell’autunno col suo vento capriccioso la Locanda del Podestà di Castè, piccolo borgo del Comune di Riccò del Golfo, ospiterà una rassegna d’arte di alcuni pittori spezzini (Baruzzo, Montefiori, Moggia, Guano, Imberciadori, Perucca) che si snoderà per tutto l’inverno e la primavera fino al 22 maggio. Ideata dai gestori del locale, la rassegna artistica sarà tenuta a battesimo da Alessandra Baruzzo con “Riflessi di trasparenze” sabato 17 ottobre alle 18.30 (e successiva cena su prenotazione 0187 769182) La Baruzzo è diplomata in scenografia all’Accademia di Belle Arti di Carrara, possiede l’attestato dell’Unione Europea quale decoratrice d’interni, ha partecipato per tre anni alla Calandriniana a Sarzana, da circa un anno fa parte della casa d’arte Poleschi. Un anfratto della Locanda ospiterà poi una mostra permanente del noto artista spezzino Nicola Perucca dal titolo “Segnali e visioni dalla stanza immaginaria” (opere multiple, pezzi unici di piccolo formato, oggettistica artistica).

E così, come si gusta un buon vino, un piatto ben preparato, si possono contemplare opere di diversi artisti in vari mesi dell’anno. L’intento è quello di affiancare alla cucina una proposta di micro-iniziative culturali organizzate in Locanda. Gustare non solo col palato ma con tutti i sensi appunto: il borgo, la natura, l’ambiente, il cibo, l’arte. Ottimi ingredienti di una Locanda che evoca sapori antichi sono infatti non solo il buon cibo ed il buon vino tipici ma anche tutto il contorno: sia l’arredo impreziosito dalle opere d’arte sia l’ambiente esterno raccolto intorno ad una prorompente natura. Coordinate queste che influiscono certamente sulla scelta del locale. E’ questa una filosofia di vita della Locanda di Casté, un “unicum” che scalfirà un segno nel cuore di quanti lasceranno alle spalle la città per addentrarsi in un gioiello quale è questo borgo pieno di sorprese. Basta raggiungerlo per scoprirle.

Più informazioni su