laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Masia e la Legge sulla Cittadinanza

Più informazioni su

LA SPEZIA – Pur considerando positiva la riforma della legge sulla cittadinanza votata alla Camera, il gruppo consiliare Sinistra Unita per il Socialismo Europeo, tenuto conto che la legge deve passare il vaglio del Senato, considera opportuno (e auspica) che vengano introdotte alcune modifiche.

Sicuramente va normato in maniera chiara il trasferimento delle competenze dal Ministero degli Interni alle Amministrazioni comunali, in modo da consentire una maggiore coerenza sistematica della normativa vigente, superando così eventuali situazioni di interpretazione della materia, che possono vanificare l'ottenimento della cittadinanza, per esempio va adottata una definizione chiara del criterio relativo alla  “residenza legale”.

Poi, tenuto conto che è stato inserito un elemento di reddito per accedere alla cittadinanza, (pur contrari ma nella consapevolezza che anche in seconda lettura rimanga), riteniamo che vada  almeno modificato il requisito economico indicato,  prevedendo  il requisito del soggiorno legale anziché il possesso del permesso di soggiorno UE,  quest’ultimo,  ottenibile sollo grazie ad una maggiore capacità economica della famiglia,  implicherebbe una definizione di cittadinanza “per censo”, escludendo dal diritto di acquisire la cittadinanza italiana alla nascita tutti i figli di cittadini stranieri regolarmente soggiornanti che non riescano a soddisfare il requisito di reddito richiesto per l’ottenimento del permesso di soggiorno UE.

Queste sono alcune delle principali modifiche che come gruppo consiliare  riteniamo e auspichiamo debbano essere introdotte al Senato per una vera riforma di legge sulla cittadinanza che riguardi  il futuro del paese e che sia avanzata e di civiltà,  ma non siamo soli in questo auspicio, insieme a noi ci sono oltre a movimenti e associazioni, anche i consiglieri comunali che in tutta Italia hanno votato mozioni e odg sul tema delle cittadinanza, ne cito  uno  per tutti l'OdG 192/2014  approvato  in Consiglio Comunale della Spezia il 12 novembre 2014, dove si chiedeva al Sindaco di  farsi parte attiva presso il Governo e presso il Parlamento affinchè venga legiferata una normativa che conceda la cittadinanza ai bambini nati in Italia da genitori stranieri secondo il principio dello jus soli e senza alcun vincolo restrittivo.

Roberto Masia indipendente di sinistra
Sinistra Unita per il Socialismo Europeo

Più informazioni su