laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Code nella sanità: i Centri medici chiedono all’Assessore Stretti di riaprire il dialogo

Più informazioni su

LA SPEZIA – I Centri di diagnostica accreditati locali (Studio radiologico D'Amato, Istituto Beretta, Centro diagnostico, Labortest, CMD, MOX, EcoX, Imago Lunae, Centro Medico Lunense) hanno letto con piacere  sui quotidiani locali l’apprezzamento per il loro lavoro e per essere proposti come alternativa alle famose convenzioni fuori regione, come previsto dall’accordo firmato più di 18 mesi fa, con tutte le realtà sanitarie locali: distretti socio sanitari, comuni, ASL, medici di medicina generale e farmacie. L’accordo, estremamente innovativo anche per la totalità delle parti coinvolte, crea una stretta interdipendenza pubblico-privato senza nessun aggravio di spesa, ne per la nostra ASL, ne per i cittadini non esenti in quanto consente a questi ultimi di eseguire accertamenti diagnostici a tariffe vicino al ticket, in tempi brevi e vicino a casa, utilizzando un canale di prenotazione dedicato in farmacia o chiamando il numero 0187 1894436.

Chiaro che il progetto è rivolto soprattutto ai paganti il ticket, ma non esclude che un esente, per evitare lunghe attese o  dover rinunciare all'esecuzione dell'esame, possa usufruirne, evitando così di dover andare fuori regione, con le spese e i disagi che questo comporta.

Il protocollo firmato prevedeva inoltre che il 50% del budget annualmente risparmiato rispetto alle fughe avrebbe dovuto essere ridistribuito ai Centri di diagnostica per immagini per aumentare le disponibilità verso gli esenti. Ad ora gli utenti che hanno utilizzato l’accordo sono circa 5000 ma potrebbero sicuramente essere molti di più se tutte le parti si impegnassero a proporlo adeguatamente. Vogliamo pertanto innanzitutto ringraziare Confartigianato e l'Assessore del Comune della Spezia Andrea Stretti per aver valorizzato il lavoro da noi svolto in questi lunghi anni di collaborazione con la ASL ed averci considerato come “importante risorsa territoriale anche occupazionale”.

La nostra forza rispetto ad altri centri fuori regione sta sicuramente anche nella diffusione capillare che abbiamo sul territorio, spaziando da Ceparana alla Spezia, da Arcola a Sarzana passando per S. Stefano di Magra; tale dislocazione permette di dare una risposta al cittadino oltre che immediata anche vicino a casa con un servizio sempre di alta qualità secondo gli standard richiesti dalla nostra azienda sanitaria locale. Per questo raccogliamo con piacere l'invito dell'assessore Andrea Stretti a riaprire il dialogo e chiediamo che sia convocato il tavolo tecnico necessario, a cui partecipino tutte le parti firmatarie. Siamo certi che dall'incontro potrebbero nascere nuove ed interessanti proposte per fornire risposte sanitarie locali con un notevole ritorno anche in termini di immagine, lasciando importanti risorse, non solo economiche, sul nostro territorio.

Più informazioni su