laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Conferenza Permanente in Prefettura

Più informazioni su

LA SPEZIA – Nella mattinata odierna, presieduta dal Prefetto, dott. Mauro Lubatti, si è svolta, nella Sala del Consiglio Provinciale, una riunione della Conferenza Provinciale Permanente, alla quale erano presenti i responsabili delle Forze dell’ordine, il Vice Presidente della Provincia della Spezia, Sindaci e Amministratori di Comuni della provincia, Dirigenti degli Uffici Pubblici, Presidenti e Rappresentanti delle Associazioni Datoriali, del Comitato Paritetico Territoriale e Rappresentanti delle Organizzazioni Sindacali CGIL, CISL, UIL, CISAL e COBAS.

Sono stati esaminati i seguenti temi previsti dall’ordine del giorno:
Settimana europea per la salute e la sicurezza nei luoghi di lavoro. Iniziative
Situazione della viabilità stradale in ambito provinciale, con particolare riferimento alla S.P. n. 31 “della Ripa”
Abusivismo commerciale e contraffazione. Iniziative.

Il Prefetto, con i rappresentanti degli Enti competenti in materia di sicurezza nei luoghi di lavoro, coordinati dal Dipartimento di Prevenzione dell’ASL, ha presentato le iniziative previste in ambito provinciale per la Settimana europea per la sicurezza sui luoghi di lavoro, che quest’anno si svolge dal 19 al 23 ottobre.
I suddetti Enti sono riuniti nel Coordinamento Territoriale degli Enti preposti alla promozione, vigilanza e controllo in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, in raccordo con la Prefettura e con il contributo delle organizzazioni che rappresentano le parti sociali e dell’Ufficio Scolastico Regionale.

L’iniziativa è inserita nell’ambito della Campagna Biennale 2014 – 2015 intitolata “Insieme per la prevenzione e la gestione dello stress lavoro-correlato”, promossa dall’Agenzia Europea per la sicurezza e la salute. 
Molte le manifestazioni in programma, che avranno luogo durante il mese di ottobre e parte del mese di novembre:
Iniziative dei Soggetti della Prevenzione, tra cui riunioni aziendali sulla salute e la sicurezza sul lavoro; prove di evacuazione in azienda ed esercitazioni di emergenza; incontri con i Responsabili dei Lavoratori per la Sicurezza dell’edilizia.

Promozione della salute a bordo delle navi mercantili: ispezioni a bordo delle navi mercantili e passeggere che approdano nel porto.
Prevenzione degli infortuni nel settore agricolo – Incontro con aziende del comparto.
Iniziative informative nei confronti degli operatori e imprenditori del settore agricolo sull’impiego in sicurezza delle macchine e delle attrezzature in agricoltura.
Iniziative nelle scuole: prove di evacuazione e visite delle aziende per gli studenti, volte a formare ed accrescere nelle giovani generazioni la cultura della sicurezza nel contesto lavorativo con particolare riguardo agli specifici rischi e alle correlate misure volte alla prevenzione e all’autoprotezione.

Attesa la rilevanza che ha, nel settore produttivo della città, l’attività derivante dallo scalo marittimo è stata sottolineata l’importanza della tutela dei lavoratori portuali. Al riguardo il prefetto ha sottolineato la particolare pericolosità degli ambienti sospetti di inquinamento o confinati e quindi mirate iniziative per uno specifico addestramento
Tra le altre iniziative in programma si segnalano: presentazione di un opuscolo informativo sul lavoro in ambito portuale; la giornata dedicata al tema dello stress lavoro correlato, il seminario con riconoscimento di crediti formativi nel quale saranno presentate esperienze del territorio sui temi riguardanti ambienti di lavoro sani e sicuri indirizzato a soggetti aziendali e alle figure professionali che intervengono nei processi di prevenzione degli infortuni.

I relatori hanno evidenziato che gli interventi posti in essere negli ultimi anni da parte delle istituzioni competenti, dei datori di lavoro e dei lavoratori, sono stati improntati al miglioramento delle condizioni di salute e sicurezza dei lavoratori attraverso un’attività di prevenzione degli infortuni, informazione, formazione e controllo ispettivo.
E’ stato sottolineato come l’incidenza infortunistica si sia ridotta a livello locale e regionale; significativa è stata l’azione coordinata di Enti di Controllo, Organizzazioni Sindacali e Associazioni datoriali che hanno posto in essere azioni preventive e divulgative, coinvolgendo anche le scuole e la cittadinanza, ispirate al valore della prevenzione e sensibilizzazione verso la salute e la sicurezza nei luoghi di lavoro.

Nel corso della trattazione del punto all’ordine del giorno il Sig. Prefetto ha invitato i presenti ad un minuto di raccoglimento per le vittime degli incidenti sul lavoro, di cui l’ultimo si è verificato pochi giorni fa a Levanto.

Per quanto riguarda il secondo punto all’ordine del giorno, la situazione della viabilità, i rappresentanti della Provincia hanno fatto presente che, in una situazione di carenza di risorse finanziarie a fronte di criticità su una gran parte del tessuto viario provinciale, si è proceduto ad una ricognizione delle problematiche più rilevanti e sono in corso interventi già affidati in esecuzione per alcune strade provinciali, in atto chiuse, quali la S.P. n. 11 Ceparana, Bolano, Tirolo nel comune di Bolano, la S.P. n. 14 Sorbolo – Tivegna nel comune di Follo, la S.P. n. 51 dei Santuari tra Bivio Fornacchi e Bivio Drignana nel comune di Vernazza.

Per quanto riguarda la S.P. n. 31 della Ripa, la stessa è stata chiusa a seguito delle verifiche di stabilità del versante conseguenti agli eventi meteo avversi di Ferragosto. Su detta strada di primaria rilevanza che, attraverso il raccordo delle località Bottagna e Fornola del comune di Vezzano Ligure, collega la Valle del Vara con la Valle del Magra, sono in corso di realizzazione gli interventi più urgenti di messa in sicurezza, anche a seguito di un finanziamento da parte della Regione. L’obiettivo è consentirne la riapertura a senso unico alternato entro la metà del mese di gennaio.
La chiusura della citata strada determina rilevanti ripercussioni sulla viabilità dei territori contigui. In particolare il traffico si riversa sull’unica possibile alternativa, costituita dalla S.P. 330 “di Buonviaggio” e sul prolungamento naturale di questa, la S.P. n. 70, in località Albiano Magra, nella provincia di Massa Carrara e all’intersezione con la S.S. 62 della Cisa, in località Bettola di Caprigliola, nel comune di Aulla, sul ponte sul fiume Magra. In tale incrocio si determinano incolonnamenti, per i quali si rende indispensabile il concorso di più Polizie Municipali per regolamentare la circolazione.
Il Prefetto ha rappresentato che la tematica ha costituito oggetto di una apposita riunione congiunta tra le Prefetture di Massa Carrara e della Spezia che si è svolta a Massa il 6 ottobre scorso, a cui hanno preso parte rappresentanti degli Enti e Amministrazioni locali di entrambe le province interessate. Dall’incontro sono scaturite alcune soluzioni tecniche tra cui l’installazione di un semaforo “intelligente” da parte di ANAS sulla S.S. della Cisa nei pressi del Ponte di Caprigliola.

Quale terzo punto dell’ordine del giorno è stato esaminato il tema della prevenzione e del contrasto all’abusivismo commerciale e alla contraffazione nel periodo estivo, oggetto di una Direttiva emanata in data 6 luglio 2015 dal Ministro dell’Interno.

L’abusivismo commerciale su aree pubbliche, infatti, è la parte più visibile di un fenomeno più ampio e circostanziato che chiama in causa la contraffazione, il sommerso, l’impiego “in nero” di manodopera sottopagata e priva di tutela previdenziale ed antinfortunistica, il danno economico per lo Stato in termini di evasione di imposte e tributi e di mancato introito, la illecita concorrenza commerciale ed, infine, ma non per minore importanza, il decoro e la vivibilità delle nostre città.

Con la citata direttiva sono state diramate le “Linee guida in materia di prevenzione e contrasto al fenomeno della contraffazione”, formulate d’intesa con il Ministero dello Sviluppo Economico.
Alla luce delle medesime, sono state pianificate le misure afferenti i controlli, vigilanza e presidio territoriale in sede di Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica.

In attuazione delle decisioni assunte in sede di C.P.O.S.P., la Questura ha adottato apposita ordinanza, rivolta alle Forze di Polizia, alla Capitaneria di Porto e alle Polizie municipali dei Comuni rivieraschi, per l’attuazione di mirati servizi preventivi e di contrasto, in relazione alle specifiche competenze e alla rilevanza del fenomeno nelle diverse aree provinciali.

Nel corso della stagione estiva si sono svolti specifici, coordinati servizi di controllo del territorio da parte delle Forze dell’Ordine con il coinvolgimento  delle Polizie Municipali, al fine di intensificare le misure di prevenzione e contrasto dei suddetti fenomeni e dando ulteriore impulso all’attività investigativa, al fine di ricostruire la filiera della distribuzione delle merci contraffatte ed individuare le associazioni criminali dedite a tali attività illecite.
E’ stata richiamata l’attenzione dei Sindaci dei Comuni rivieraschi sulla necessità di disporre specifici divieti di vendita e di offerta di servizi non autorizzati lungo gli arenili e nelle aree immediatamente adiacenti, installando e rendendo ben visibile la relativa segnaletica.

Il tema in questione, con la partecipazione anche della locale Camera di Commercio, dell’Ufficio Scolastico Provinciale e delle Associazioni di categoria sarà oggetto di progetti di informazione da parte delle imprese in merito ai consentiti strumenti di protezione dei marchi in caso di violazione della proprietà industriale, nonché, con riferimento agli studenti delle scuole, di attività formative del senso civico e del rispetto della legalità con riferimento ai gravi danni arrecati alla collettività dal commercio abusivo e dalla contraffazione.

Nel far presente che il fenomeno in parola in questa provincia ha dimensioni contenute,  si forniscono alcuni dati numerici: dal 1° giugno  e fino alla data del 30 settembre u.s., sono stati svolti in questa Provincia n. 5 servizi interforze per il contrasto dei fenomeni dell’abusivismo commerciale e della contraffazione – con la partecipazione delle Forze di Polizia e delle Polizie Municipali ( 2 nel Comune capoluogo e 3 in provincia), nonché numerosi servizi d’iniziativa da parte delle Polizie municipali con i seguenti risultati conseguiti:

Persone denunciate                                                            24
Sequestri amministrativi                                                    60
Sequestri penali                                                                 36
Sanzioni irrogate                                                                50
Articoli sequestrati                                                         4670
Valore stimato                                                          € 16.000

Il Prefetto ha colto l’occasione determinata dalla presenza di numerosi Sindaci ed Amministratori pubblici per rinnovare un duplice appello in tema di immigrazione. In primo luogo, ha rappresentato l’opportunità che i Sindaci si rendano interpreti dell’esatta portata dell’attività governativa in merito e dell’impegno effettivamente richiesto ai Comuni sensibilizzando le rispettive cittadinanze circa l’ineludibile esigenza di fornire una temporanea sistemazione delle persone che invocano la protezione umanitaria. In secondo luogo ha rinnovato l’invito ai civici Amministratori predetti affinché venga condotta una aggiornata ricognizione delle potenzialità ricettive che “in loco” potrebbero essere adibite a strutture logistiche per la gestione dell’accoglienza.

Scarica il programma delle iniziative nell’ambito della Settimana Europea per la Salute e la Sicurezza nei luoghi di Lavoro 19 – 23 Ottobre 2015

Più informazioni su