laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Ferraioli (PD): razionalizzare non vuol dire perdere posti di lavoro e professionalità

Più informazioni su

LA SPEZIA – Senza risparmiare numerose parole di apprezzamento sul lavoro svolto e che sta svolgendo la Forestale anche nel nostro territorio ritengo utile ed importante il percorso intrapreso dal Governo. Non credo che ci sarà nessuna perdita occupazionale e di professionalità ma solo una razionalizzazione dei corpi di Polizia, indispensabile anche nel nostro Paese. Le proposte del Governo partono da lontano e partono da una proposta che vedeva nel 1980 il Partito Radicale in prima linea su questo fronte. All'epoca non fu possibile e la Corte Costituzionale respinse la proposta di Referendum da parte del Partito Radicale. Oggi alla luce di nuove situazione l'Italia ha 5 Corpi di Polizia, oltre a Polizia Provinciale e Polizia Locale, ognuno sotto il controllo di Ministeri diversi. La Polizia di Stato sotto il Ministero dell'Interno, i Carabinieri per alcune cose sotto il Ministero dell'Interno ma essendo Forza Armata sotto il Ministero della Difesa, la Polizia Penitenziaria sotto il Ministero di Grazia e Giustizia, la Guardia di Finanza sotto il Ministero dell'Economia e la Guardia Forestale sotto il Ministero dell'Agricoltura.

Ora appare evidente che tale situazione in Europa ma soprattutto in Italia ha bisogno di una razionalizzazione che consenta pur mantenendo le professionalità ed i livelli occupazionali di razionalizzare alcune catene di comando che oltre che generare costi eccessivi disperdono spesso risorse umane e conseguenti professionalità. In Italia i vari corpi di Polizia hanno origini storiche lontane nel tempo per esempio la Forestale nasce nel 1822 su ordine del Re e i Carabinieri nel 1881, tali requisiti storici e tali attaccamenti a tradizioni ineludibili sono sempre stati di ostacolo ad accorpamenti. Il Governo si propone di superare tali ostacoli e pur riconoscendo e valorizzando le professionalità acquisite che non vanno assolutamente disperse, procede con un'opera importante. Non credo che eventuali accorpamenti porteranno ad un minor controllo dei territori o con un lasciar mano libera alle ecomafie come qualcuno in maniera populistica vuole lasciare intendere. Credo comunque che malgrado quanto predetto, bisognerà trovare una soluzione importante per salvaguardare il senso di appartenenza ed il valore storico che un Corpo che esiste dal 1822 conserva come altri ancora oggi.

Per questi motivi ritengo che seppur condividendo che debbano assolutamente essere salvaguardati i livelli occupazionali, le grandi professionalità acquisite in tanti anni ed il valore storico dei Corpi di Polizia, il percorso riformista del Governo sia il percorso corretto ed al passo con i tempi.

Più informazioni su