laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Frijia: «“Perché al Distretto Scolastico 6 vengono richiesti 25 euro a bambino aggiuntivi per assicurazione e contributo?»

Più informazioni su

Maria Grazia Frijia, Fdi, raccoglie la segnalazione di alcuni cittadini e presenta un’interrogazione urgente: “Perché al Distretto Scolastico 6 vengono richiesti 25 euro a bambino aggiuntivi per assicurazione e contributo? Il costo dell’assicurazione è di 8 Euro, gli altri 17 Euro non è dato sapere come vengono utilizzati. Ci vuole maggiore trasparenza perché questo in altre scuole non avviene”.

LA SPEZIA – “Sono tempi di vacche magre e questo è chiaro per tutti ma la trasparenza all’interno degli enti pubblici deve essere una regola imprescindibile. Lo dico perché mi sono giunte segnalazioni da parte di alcuni genitori di bambini che frequentano le scuole del Distretto 6, parliamo di Canaletto, Piazza Verdi, Fossamastra ecc, in merito ad un bigliettino che è stato fatto circolare nelle aule e consegnato agli alunni da portare a casa dove viene richiesto dalla Direttrice Scolastica un oblazione di 25 euro a bambino per spese di assicurazione e contributo. Il problema nasce nel momento in cui è emerso che il costo dell’assicurazione, così mi è stato riferito, ammonterebbe a 8 euro a bambino. La domanda infatti che è sorta spontanea è stata: ma gli altri 17 euro aggiuntivi come quota di contributo fissa per cosa servono?” Così dichiara il consigliere comunale di Fratelli d’Italia Maria Grazia Frijia che prosegue: “senza alcuna specificazione sull’utilizzo, nè resoconto su come vengono spesi questi soldi è salito un po’ di malcontento, ma voglio sottolineare, così come mi è stato riferito, non per i 17 euro di per sè, anche se per qualche famiglia magari più numerosa ed in questi tempi difficili  possono essere dei bei soldini, ma per il fatto che manchi un’indicazione chiara e trasparente sull’utilizzo di queste risorse”.

“Siamo sicuri – continua il consigliere comunale – che i soldi vengono spesi per le attività didattiche e formative dei bambini ma credo, e penso di farmi interprete del sentimento di tanti cittadini, che sulla metodologia di come viene richiesto questo contributo ci potrebbe essere qualcosa da dire. E’ bene infatti anche specificare  che già normalmente le famiglie contribuiscono portando a scuola materiali di consumo, la cosa che non si capisce è perché un po’ “camuffato” sotto la voce “Assicurazione” venga introdotta questa richiesta aggiuntiva. In altri comprensori questo non accade a dimostrazione che vi è maggiore trasparenza”.

“Ecco perché a questo punto voglio vederci più chiaro e quindi ho presentato un’interrogazione urgente e una richiesta di audizione in commissione della Direttrice scolastica del Distretto 6 per avere informazioni dettagliate su come vengono impegnati questi soldi e come sono stati utilizzati anche nel passato sotto la sua guida e per chiedere che l’amministrazione comunale imponga un codice comportamentale che obblighi, quando si domandano alle famiglie contributi extra, a rendicontare e rendere quindi trasparente l’utilizzo dei soldi richiesti”, conclude Maria Grazia Frijia.

Più informazioni su