laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Tra Golfo dei Poeti e Val di Vara

Più informazioni su

La passeggiata proposta da Mangia Trekking anche quando fuori piove

LA SPEZIA – Si tratta di una passeggiata sulle colline del Golfo dei Poeti con qualche penetrazione nell’entroterra per visitare e conoscere i primi storici insediamenti dello spezzino. Qualcosa a metà tra lo sportivo ed il culturale, una interessante proposta avanzata da Olivio Lombardo e Lorella Costa per chi ama comunque e sovente camminare o correre a lento moto. Non soltanto piste ciclabili o vie cittadine, ma qualcosa più vicino al verde e distante dallo smog. Così qualche giorno fa, in occasione di non belle condimeteo, l’associazione Mangia Trekking, con la guida di Fabrizio Mazzini, ha voluto condurre alcuni appassionati dell’alpinismo lento a misurare il grado di apprezzamento e fattibilità della proposta dei suoi due associati. Un’attività che da La Spezia, nel quartiere di Rebocco, ha condotto i partecipanti in una piacevole visita verso la conoscenza dei luoghi che rappresentano una grande parte della storia di La Spezia.


Le Torracche, S.Anna, il Passo della Foce, Castè, Carpena, Codeglia, Porcale, Marinasco e Strà, quelle località, da cui provengono anche tante famiglie dell’antica Spezia, basta far attenzione ai loro cognomi. Sono luoghi da cui è possibile anche osservare bellissimi panorami sul Golfo dei Poeti, sulle Alpi Apuane e su tanti tratti della Val di Vara. E nel pomeriggio, mentre la pioggia accompagnava l’apparente grigiore della giornata, con una sempre gradita sosta al Circolo Escursionistico Endas di Strà ed il rientro in città attraverso la storica via del “salto del gatto”, gli amici del Mangia Trekking hanno concluso la gradevole esperienza. Su un percorso ad anello facile, alla portata di tutti, dove hanno anche purtroppo potuto constatare direttamente, la presenza dei segni dovuti ai tristi fenomeni dell’abbandono dell’agricoltura e dell’avanzare della cementificazione. Tratti di antiche scalinate che non ci sono più, sensibili smottamenti, piccole frane, e muretti a secco caduti.

Più informazioni su