laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Il Pagellone | Il Cate sta tornando ai livelli migliori, in tanti meritano il sette

Più informazioni su

Nica e Catellani – Foto Patrizio Moretti 

Andrea Catellani va due volte vicinissimo al gol, è sfortunato, ma è pericoloso per tutta la gara. Bravi anche Milos, Terzi, Chichi e Nenè

Chichizola – 7 – Come spesso accade prende gol al primo tiro in porta, per di più da calcio piazzato. Ma nel secondo tempo devo mostrare la sua solita calma sulle conclusioni ravvicinate, intercettando una deviazione velenosa di Jidayi che avrebbe potuto chiudere il match, poi neutralizza una punizione insidiosa.Reattivo.

Martic – 6 – Torna titolare dopo un paio di gare e si mostra subito piuttosto propositivo. La catena di destra non riesce a proporre la pericolosità di quella opposta, ma non certo per colpa sua. Frenato.
Valentini – 6,5 – Fa il suo e bene. Reattivo sui tagli di Trotta, uno sempre pericoloso in zona gol, mentre probabilmente subisce un fallo in occasione del gol di Jidayi, come era giù successo nel gol annullato. Positivo.

Terzi – 7 – Quando occorre spazzare l’area di rigore, chiudere una triangolazione o anticipare il diretto avversario, lui c’è sempre. Prestazione attenta e senza sbavature, si riprende bene dopo le incertezze di Cesena.Puntuale.

Milos – 7 – Meglio questo match a sinistra, di molti altri a destra. Sarà perché impegnato su una fascia diversa e quindi più “impegnato”, sarà che si adatta molto bene a quella zona di campo, non solo copre bene, ma è sempre pericoloso al cross. O forse è Situm ad agevolare i terzini che agiscono dalla sua parte? Concentrato.

Brezovec – 6,5 – Se il gioco fluisce bene e vengono create occasioni da gol, il merito è anche del giro palla rapido del centrocampo, impegnato anche a controbattere l’omologo avversario, in teoria sempre in superiorità numerica giocando a tre. Ma se questa superiorità non si vede praticamente mai, la prestazione dei due spezzini risulta ovviamente positiva. Brillante.

Juande – 6,5 – Corre moltissimo in zona difensiva per andare a chiudere i varchi agli avversari, in questo eccelle, semmai qualche invenzione in più in fase propositiva, lo farebbe tornare ai fasti del miglior periodo dell’anno passato. Ma metterlo in discussione è assolutamente fuori luogo.Indispensabile.

Kvrzic – 5 – Non è giusto metterlo tutte le volte sulla graticola, ma il paragone con il suo dirimpettaio Situm è impietoso in questo periodo e ciò è lampante. Sembra non essere in grado, forse mentalmente, di riuscire a determinare come al solito. Ovvio che una spinta a destra più efficace, renderebbe la squadra ancor più competitiva. Appannato.

Catellani – 7 – Due grandi chance per segnare, una letteralmente inventata, con un gran colpo di tacco, nel primo tempo: bravo e fortunato Frattali; la seconda in scivolata con palla sulla traversa. A parte la sfortuna, prestazione in crescendo, questa è la nota più positiva, in chiave futura. Iellato.

Situm – 6,5 – Parte benissimo, serpentine, assist per i cross di Milos, imprevedibilità, poi forse cala un po’ alla distanza. Potenzialmente è uno dei top della serie B, specie se riuscirà a determinare di più in zona gol, il suo difetto, se vogliamo trovarne uno. Qualche gol in più, un po’ più di coraggio e sarà difficile contenerlo. Potenzialità.

Calaiò – 6,5 – Se consideriamo sufficiente solo al prestazione del centravanti che segna, allora la sua prestazione è insufficiente, se invece andiamo a vedere la completezza delle giocate, non solo c’è la sufficienza, ma se ne nota meglio l’importanza nel gioco di squadra. Non c’è, e non ci deve essere, un dualismo con Nenè, altrimenti ci complichiamo le cose da soli… Affermato.

Nenè – 7 – Quando entri e determini, ti meriti sempre un voto alto. Oltre al gol, con calcione al viso incorporato, contribuisce a cambiare un po’ le carte in tavola in un match che si era fatto complicato.

Rossi – 5,5 – Entra e fallisce subito un gol che, con più freddezza, avrebbe potuto segnare. Avrebbe un altra occasione per rifarsi, ma non arriva sul cross al bacio di Situm.

Acampora – s.v. – Ultimi minuti a sinistra in un inedito 3-4-1-2.

Mister Bjelica – 6,5 – Deve ricorrere agli ultimi due terzini che ha, per completare la difesa, ma per fortuna i ragazzi fanno la prestazione. Peccato che non abbia però Ciurria a disposizione, oltre a De Las Cuevas, tanto che deve continuare a spremere Kvrzic, in questo periodo copia sbiadita di quello dell’anno passato. Bisogna dargli il merito di aver creato le gerarchie giuste all’interno della squadra per far si che non si generino problemi di dualismi e discorsi. Quindi Valentini e non Piccolo, Juande al suo posto, in attesa di poter inserire Errasti, magari a Modena o con l’Entella. La squadra disputa il miglior primo tempo di quest’anno, questo è un dato importantissimo, anche se continua a persistere il problema dei gol nel finale dei tempi e soprattutto lo strampalato assioma che vede faticare la squadra a far risultato quando gioca bene… Alle prossime gare qualche risposta.

Arbitro Pezzuto – 4 – A pensar male qualche volta ci si indovina, ma indovinare che sia scarso è come sparare sulla croce rossa. Si potrebbe star qui a dirle tutte, fermo restando che nella gara di ieri non ha commesso errori del livello di Crotone, ma tante situazioni inspiegabili. Facciamo finta, o se vi piace di più, diamo per scontato che sia solo scarso…

Enrico Lazzeri – © Riproduzione Riservata
www.speziacalcionews.it

Più informazioni su