laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Carispezia smarrisce la via del goal Matera ringrazia e vince

Più informazioni su

La Sinus Matera passa al “Pala Terzi” al termine di un match in cui la squadra di Nuno Resende a tratti ha dato dimostrazione di netta superiorità contro un Sarzana dalle polveri bagnate sottoporta. E pensare che nel primo tempo Sterpini e compagni avevano retto bene al gioco e alla determinazione del più quotato Matera, con la ghiotta occasione sul finire del primo parziale di pareggiare se non addirittura passare in vantaggio se avessero sfruttato meglio la doppia superiorità numerica. (nella foto Joaquin Vargas festeggia con Pistelli la sua prima rete in Italia). 

CARISPEZIA HOCKEY SARZANA – SINUS MATERA 1 – 5  (1 – 2)

CARISPEZIA HOCKEY SARZANA: Corona (Perroni Alessio), Di Donato, Louzi, Pistelli, Sterpini, Amat (1), Dolce , Rossi Alessandro, Rossi Francesco. Allenatore Alessandro Cupisti.

SINUS MATERA:  Grimalt (El Haouzi), Antezza V., Antezza G., Nico Lopez (2), Santeramo, Ghirardello,  Cellura, Borsi (1), Gonzalo Romero (2). Allenatore  Nuno Resende.

Arbitri: Sig. Galoppi (GR) Sig. Parolin (VI) ausiliario Sig. Righetti (SP)
 
“Un Presidente serio nei momenti di difficoltà si deve caricare il fardello delle critiche sulle proprie spalle, lasciate stare  il mister e  i miei ragazzi – esordisce così il Presidente Maurizio Corona – Contro il Matera abbiamo perso una battaglia ma con questo non abbiamo certamente perso ancora la guerra, siamo alla quarta giornata e abbiamo tutto un campionato davanti.” Il Presidente Maurizio Corona è un fiume in piena a fine gara e continua “avevano costruito una buona squadra, alla vigilia del Campionato siamo stati traditi e ci siamo ritrovati a mercato chiuso con una squadra a cui manca un elemento che possa puntare l’uomo e metterci in superiorità numerica; il mister sta facendo miracoli, sta cercando di trovare le soluzioni migliori ed è sempre l’ultimo a mollare, io sono stanco di ripetermi nel proclamare che  questa squadra  è stata costruita unicamente per cercare di conquistare  la salvezza magari all’ultima giornata. Gli avversari nella lotta per retrocedere – spiega il Presidente – hanno tutte squadre ben attrezzate, con fior di campioni e quelle che a fine stagione dovranno giocoforza lasciare la massima serie saranno squadre   potenzialmente forti. La classifica ci vede al penultimo posto ma ripeto siamo solamente alla quarta giornata, il nostro pubblico ci deve aiutare così come ci deve aiutare la città, le istituzioni e gli imprenditori se vogliamo che l’ hockey a Sarzana rimanga nella massima serie.  Abbiamo comunque incontrato una squadra che punta decisamente in alto e il suo presidente non nasconde affatto le proprie ambizioni  una formazione che è imbottita di fior di giocatori, con due Campioni del Mondo in carica. La rabbia è certamente tanta – conclude Corona –  se pensiamo che alla fine del primo tempo abbiamo avuto la ghiotta occasione di pareggiare se non addirittura passare in vantaggio se avessimo meglio sfruttato l’espulsione di Antezza, e la squadra materana con due soli giocatori di movimento in pista, comunque è inutile piangere sul latte versato bisogna guardare avanti”. 

Veniamo alla gara: Nuno Resende schiera un starting-five con capitan Valerio Antezza insieme all’ ex Borsi sulla linea d’attacco, in difesa la coppia Nico Lopez, e Gonzalo Romero con Grimalt a difesa della porta e a disposizione Giovanni Antezza, Ghirardello, Cellura, Santeramo e il secondo portiere El Haouzi. Cupisti risponde con Corona tra i pali, Sterpini, Di Donato, Amat e Dolce. Per la cronaca da subito il Matera prende in mano le redini della partita con la formazione di Cupisti schierata a zona e al 5’,30” trova la rete del vantaggio, botta da fuori di Gonzalo Romero che batte Corona. Non passa neppure un minuto che Davide Borsi finalizza una magistrale azione di contropiede. Rossoneri che reagiscono d’impeto e dopo 5” una conclusione dalla distanza di Amat sorprende Grimalt e riapre la partita. Poi diventano protagonisti i portieri fino al 23’,47” quando Valerio Antezza capitano della formazione Lucana  rimedia prima un blu per fallo di gioco e sulla protesta successiva l’arbitro Galoppi estrae il cartellino rosso per espellerlo definitivamente. Il Matera si trova così con soli due giocatori di manovra in pista e con Francesco Rossi  nella condizione di realizzare la conseguente punizione di prima. La cosa non si concretizza per la parata di Grimalt e in cinque contro tre i rossoneri non riescono a perforare la porta difesa da Grimalt. Le squadre vanno al riposo con il risultato di 2 a 1 a favore della formazione Lucana e la seconda frazione di gioco riprende con la squadra materana ancora in doppia superiorità numerica, ma i rossoneri non riescono quasi mai a impensierire Grimalt. Terminata la prima sanzione il Matera gioca ulteriori quattro minuti con l’uomo in meno. E in questa fase di gioco la squadra di Nuno Resende trova la rete del 3 a 1 al 27’,14” con Nico Lopez. Sarzanesi  storditi e Materani padroni della pista che vanno ancora in rete con lo stesso Nico Lopez al 33’,17”, partita poi messa in cassaforte dal tiro di prima realizzato da Gonzalo Romero al 41’,43” nel finale cartellino blu per Di Donato con il conseguente tiro di prima sbagliato da Nico Lopez e decimo fallo della formazione lucana con il tiro di prima battuto da Amat che non trova la porta. Molto amaro in bocca per il Carispezia Hockey Sarzana che pur cosciente della forza degli avversari ha regalato la doppia superiorità numerica alla formazione materana, e di fatto la possibilità di andare al riposo sul risultato di parità.

Prossimo incontro Sabato 31 Ottobre al Palacastelotti di Lodi contro l’ Amatori Wasken Lodi.

Più informazioni su