laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Top & Flop di Pescara-Spezia – Catellani la riapre e la pareggia, male Tamas e Nenè

Più informazioni su

Andrea Catellani, protagonista a Pescara – Foto Patrizio Moretti 

E' stato quello che ci ha creduto di più dopo il due a zero, prima con il tiro del momentaneo 2-1, poi con l'azione caparbia che porta al rigore. Per Tamas e Nenè non è invece giornata

Lo Spezia vede la luce fuori dal tunnel: dopo quattro sconfitte consecutive, arriva il primo punto della gestione Di Carlo, conquistato sul difficile terreno dell’Adriatico diPescara.
I padroni di casa partono meglio con un buon possesso palla, senza però affondare pericolosamente verso la porta di Chichizola; lo Spezia dal canto suo si difende con ordine e prova a ripartire in contropiede sfruttando le accelerazioni di Catellani e Situm.
Al 27′ è proprio il Pescara ad avere la prima occasione gol del match: Caprari mette in mezzo un ottimo cross teso dalla sinistra, ma Lapadula spedisce centralmente di testa tra le braccia dell’estremo difensore dello Spezia.
Sul finale di frazione sono ancora gli abruzzesi a rendersi pericolosi: sugli sviluppi di un calcio d’angolo il numero 10 raccoglie una respinta corta di Chichizola all’interno dell’area piccola, ma la sua conclusione termina a lato.
La ripresa è una doccia fredda per gli uomini di Di Carlo: Il Pescara sblocca il risultato su azione da corner, grazie ad un colpo di testa ravvicinato di Fornasier, bravo a ribadire in rete l’ottima respinta del portiere ospite sulla precedente deviazione aerea di Verre.
Al 53′ sono ancora gli abruzzesi a portarsi in avanti con Caprari, ma il suo diagonale viene deviato in angolo dall’attento Chichizola.
Bastano undici minuti al Pescara per arrotondare il risultato: in contropiede Verre serve Lapadula, che insacca in rete con un potente destro rasoterra.
Immediata la reazione dello Spezia con Catellani: il numero 10 aquilotto sorprende l’impreciso Fiorillo e riapre la partita.
Non finiscono le emozioni all’Adriatico, dove Verre al 69′ colpisce l’incrocio dei pali.
Passa un quarto d’ora ed è di nuovo Lapadula a sfiorare la rete del 3-1 con un diagonale che sbatte contro il palo.
Ma lo Spezia non si arrende e a due giri di lancette dal termine, trova il pareggio su calcio di rigore, conquistato da Catellani e realizzato da Terzi.
Brividi nel finale: le velleità di vittoria dei padroni di casa s’infrangono sulla traversa colpita da Sansovini, dopo una splendida girata a centro area.

Dopo questa partita, ecco i nostri TOP E FLOP.

TOP PESCARA: LAPADULA – L’attaccante abruzzese dà, se mai ce ne fosse bisogno, un’ulteriore dimostrazione dell’ottimo stato di forma attuale: il capocannoniere della cadetteria trascina la sua squadra segnando un gol e sfiorando il colpo del KO. Oltre all’indiscutibile vena realizzativa, il numero 10 del Pescara fa vedere giocate pregevoli, degne di categoria superiore.

FLOP PESCARA: FIORILLO – Giornata no per l’estremo difensore ex aquilotto. Dopo un ottimo avvio di campionato, caratterizzato da solide prestazioni, il numero 1 del Pescara compie un passo indietro, mostrando diverse indecisioni; a dimostrazione di quanto detto, si evidenzia l’errore sulla conclusione da fuori area di Catellani, che riapre la partita.

TOP SPEZIA: CATELLANI – Lo Spezia ritrova il suo bomber: Andrea Catellani mette la sua firma sull’importante pareggio conquistato all’Adriatico di Pescara. L’attaccante aquilotto riapre il match e con una pregevole serpentina conquista il calcio di rigore che permette ai bianchi di interrompere la lunga striscia negativa di risultati. Sempre prezioso in fase di ripartenza e decisivo in zona offensiva: il “Cate” dello scorso anno sembra essere tornato.

FLOP SPEZIA: TAMAS/NENE’ – Dopo i buoni spezzoni di gara giocati nelle ultime due partite, il giovane ungherese appare spaesato e spesso in ritardo sulle folate offensive degli attaccanti avversari. Sulla sua fascia di competenza, nella prima frazione, Zampano fa il buono e il cattivo tempo, arginato solo dalle chiusure di capitan Terzi. Per Nenè invece una prestazione priva di spunti e con qualche problema di tenuta atletica. Da un giocatore della sua qualità ed esperienza, ci si aspetta ben altro.

Giulia Lorenzini – © Riproduzione Riservata
www.speziacalcionews.it

Più informazioni su