laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Anche stamani ennesimo incidente sulla statale Cisa

Più informazioni su

Il Capogruppo Consiliare Francesco Ponzanelli: dal 2011 segnaliamo continuamente questi problemi ma il Sindaco e la sua maggioranza nulla stanno facendo per tentare di rimediare e gli incidenti continuano. Ora basta i cittadini hanno il diritto di essere tutelati. 

SANTO STEFANO MAGRA – E’ certamente una situazione di ben evidenziato pericolo quella che si è manifestata con l’investimento, sulle strisce pedonali, anche oggi un anziano signore è stato investito davanti alla piazza principale del paese, come ieri. Oltre alle problematiche dei limiti di velocità non rispettati, degli attraversamenti pedonali poco segnalati, ci sono problemi riguardanti, al continuo stillicidio di pedoni che, non avendo adeguate protezioni rischiano la vita quasi ogni giorno.

Ieri una signora è stata investita, stamani un anziano signore ha subito la stessa sorte mentre il Sindaco e la sua maggioranza continuano a balbettare scuse e non sono in grado di attivare strumenti e norme che regolino in maniera adeguata il flusso veicolare lungo le nostre arterie stradali.

Una scena, che forse solo a Santo Stefano capita di vedere, è quella di cittadini che per attraversare le strisce pedonali sono costretti a correre, in quanto il traffico che scorre lungo la Via Cisa oltre che essere sostenuto è anche di forte velocità ed a ben poco servono gli autovelox posti nei soliti luoghi, mentre è ben chiaro che servirebbero sia strumenti dissuasori di velocità che postazioni tele laser portatili da utilizzare nei tratti dove il traffico scorre con maggior velocità. 

Questa è l’unica maniera di far diminuire la velocità dei mezzi che si muovono lungo la via Cisa oltre che quello di poter affrontare l’attraversamento pedonale con la giusta sicurezza invece di una “roulette russa” che i cittadini sono costretti a subire ogni volta che tentano di attraversare la strada.
Occorre quindi, secondo noi, uno sforzo maggiore iniziando un percorso virtuoso in cui il Comune, l’Anas e gli atri Enti interessati diano corpo ad un Piano della Sicurezza Stradale Comunale che crei interventi puntuali al fine di mettere in sicurezza i cittadini che si muovono lungo questo asse viario.

Per questo abbiamo presentato un ordine del giorno (Vedi allegato) che sintetizza queste problematiche e chiede controlli mirati, da parte della Polizia Municipale, con postazioni mobili con strumenti di verifica della velocità, posizionamento di rallentatori di velocità ed intervento anche di pattuglie della Polizia Stradale.

Non pensiamo ci si possa trincerare dietro la questione dei costi perché le iniziative che stiamo proponendo, i dissuasori di velocità e il tele laser in parte sono già presenti ,ma forse non usati o posizionati con la dovuta attenzione.

Occorre insomma iniziare con concretezza a dare maggior tutele ai cittadini evitando di nascondersi dietro le solite proposte elettorali che per ora sono rimaste solo chiacchiere e rischiano di far naufragare in nulla il giusto diritto degli elettori di vedere salvaguardati alcuni loro elementari diritti.

Più informazioni su