laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

“Il futuro dell’Europa fra diritti, sovranità, mercato”

Più informazioni su

Conclude con grande partecipazione di pubblico il ciclo di incontri Caffè Europa

LA SPEZIA – Molti interventi e interessante dibattito all’incontro “Il futuro dell’Europa fra diritti, sovranità, mercato” ultimo appuntamento che ha concluso la rassegna Caffè Europa, organizzata dal Centro Europe Direct della Provincia della Spezia, in collaborazione con il Comune della Spezia.

Moderati dall’esperto di politiche comunitarie Massimo Bonati, il Presidente della Provincia e Sindaco della Spezia Massimo Federici, l’Europarlamentare Brando Benifei e Vladimiro Giacché, economista e Presidente del Centro Europa Ricerche, si sono confrontati sui macrotemi legati al presente e al futuro dell’Unione Europea: politica economica e monetaria, mercato, austerity, immigrazione, sicurezza, strategie antiterrorismo e nuovi nazionalismi.
Uno scambio a più voci che ha portato sugli stessi temi, l’analisi dell’esperto economista, le considerazioni del politico che ne affronta i contenuti in Europa in sede parlamentare, le riflessioni dell’amministratore locale, che vede le opportunità e i vincoli delle politiche di Bruxelles, nella vita quotidiana dell’amministrazione e della propria comunità.
Dalle regole europee del Fiscal compact al nuovo art. 81 che prevede l’obbligo del pareggio di bilancio, si tratta di un vero e proprio cuneo, secondo l’economista Giacché, che scardina il sistema dei fondamentali diritti costituzionali. Vi è la necessità, da tutti riconosciuta, di recuperare un ruolo nei rapporti di forza tra i vari stati membri. Molta strada è stata fatta, per l’eurodeputato Benifei, soprattutto in tema di contrasto al dumping sociale e sul lavoro, in tema di immigrazione e sicurezza, occorre però ridurre le disomogeneità e le distanze che permangono all’interno della Unione Europea, in modo che la progressiva alienazione di sovranità nazionale, avvenuta nell’ambito dei Trattati Europei sottoscritti, sia effettivamente recuperata in veste democratica, a beneficio di tutti gli stati membri. Una strada da percorrere insieme, per il Sindaco Federici, mettendo a nudo le contraddizioni di politiche adottate in passato e con la consapevolezza di un sapere critico volto alla correzione, rispetto alla disgregazione, di quanto è già stato costruito.

Più informazioni su