laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Centro Storico sotto assedio di una generazione “a perdere”

Più informazioni su

Consulta del Centro Storico.

SARZANA – «Ragazzate, bravate. Sinonimi che tentano di giustificare, in qualche modo, atti e comportamenti di giovani generazioni annoiate, demotivate, apatiche e prive di qualsiasi senso di responsabilità e di rispetto ma, soprattutto di buona educazione. E' possibile vedere i segnali di questo “disagio” di chi percorre le nostre strade cittadine specie la notte, deturpando, imbrattando, distruggendo tutto quanto è pubblico, apparentemente senza proprietà. Lampade della pubblica illuminazione prese a sassate ed arredi urbani divelti e danneggiati, fioriere spaccate, panchine piegate, muri imbrattati, affissioni selvagge di manifestini stampati in proprio, cestini distrutti, birre ovunque e piante ornamentali strappate e calpestate. Piazza Cesare Battisti, che questa estate era stata completamente rivisitata, manto erboso riseminato, piante ornamentali ripiantumate e ridotate di 8 cestini nuovi di zecca ora è ritornata il regno del degrado. Cestini tutti sfondati e piante strappate. A nulla è servito il progetto di educativa di strada, e lo dico con rammarico, perché le buone intenzioni dell’Assessore Ravecca di introdurre nella nostra città un progetto innovativo ora si riducono solo ad una decina di mila euro di soldi pubblici buttati via. A nulla è servito la lodevole iniziativa del “maestro” Sergio Dall’Oglio e Jocelyn Carson che hanno provato a far diventare quella piazza una palestra a cieolo aperto per recuperare i ragazzi. La realtà ahimè è una sola, Piazza Cesare Battisti, la Cittadella, le scale della biblioteca civica e lo skate park e l'area Cabano sono il rifugio di una generazione che  dovrebbe rappresentare la nostra speranza per il futuro ed invece ora è solo come le decine decine di birre, che spaccano e lanciano per le strade del centro cittadini, un vuoto a perdere. Segno di questa degenerazione alcolica a basso prezzo, perché è bene ricordarlo, le birre iperalcooliche di tendenza vengono vendute a prezzi stracciati, popolano alcuni bar e non solo del centro città in vetrine che fanno bella mostra all’ingresso dei locali modello take away; e anche questo diventa un business. Due euro per una birra che fa perdere la testa ad un quindicenne che la ingurgita “alla goccia” e poi giù a spaccare un cestino ed a urlare e imprecare tirando pallonate alle finestre dei palazzi del centro fino all’alba.

La Consulta del Centro Storico si trova a dover affrontare, attraverso le decine di segnalazioni dei cittadini e degli operatori commerciali, l’accentuarsi di questo fenomeno che è necessario debba essere affrontato con decisione delle Istituzioni; non solo l’Amministrazione Comunale ma anche le Forze dell’ordine e la scuola devono intervenire sensibilizzando principalmente le famiglie; i genitori di questi vandali tirino fuori la testa da sotto la sabbia e svolgano la loro funzioni di educatori tra le mura di casa non permettano che fino all’alba i propri figli mezzi ubriachi assedino la città.
Una sollecitazione anche alle associazioni di categoria che rappresentano chi somministra le bevande alcoliche; aiutateci a fare in modo che si somministrino le bevande alcooliche con particolare attenzione ai minorenni e a chi già è alticcio; pratica questa usuale nelle storiche attività del centro ma forse non troppo nelle nuove attività.
Come abbiamo fatto dall'inizio del nostro "mandato" continueremo nel cercare di rendere il nostro quartiere più decoroso e vivibile, consci che il buon senso dei cittadini e l'amore per la città sono valori che prima o poi dovranno animare anche queste giovani generazioni.»

Più informazioni su