laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Antica terra di “Lunezia” da vivere

Più informazioni su

Tra i centenari castagneti di Vico con Mangia Trekking

LA SPEZIA – Anche quando le giornate sono piovose e la montagna Lunigianese appare deserta e solitaria, l’associazione dell’alpinismo lento non perde l’occasione di assicurare la propria presenza per approfondire la conoscenza dei luoghi e portare l’attenzione sulle loro peculiarità. Così, nei giorni scorsi, anche se il meteo non era molto favorevole, l’associazione Mangia Trekking ha effettuato una attività sportivo-culturale nel paese di Vico nel Comune di Bagnone, lungo la valle del torrente Fiumenta. Terra dei marchesi Malaspina fino alla prima metà del 1700 e luogo che vanta una pieve risalente al 1200, riconducibile alla Diocesi di Luni. L’associazione, in particolare ha posto la propria attenzione sulla frazione di Vico Monterole, sulla via delle maestà  e sul territorio montano circostante. Ha percorso la via che conduce sulle vette dell’Appennino Tosco Emiliano e che porta nei territori del parmense ove Mangia Trekking è solita effettuare tante attività tra Badignana ed il lago Santo sui monti Aquila, Marmagna e Roccabiasca. Durante la giornata l’associazione si è fermata brevemente sul monte Alarola ed ha effettuato una piacevole sosta pranzo, tra i centenari castagneti di Vico. Caratterizzata, come vuole lo spirito migliore dell’alpinismo lento di Mangia Trekking dall’aver cucinato direttamente nel bosco, sulla brace, le salsicce di Sassalbo, e le castagne appena raccolte, il tutto accompagnato con pane integrale e buon vino rosso dei colli di Luni. E la sera, mentre facevano ritorno verso “la civiltà” i partecipanti alla piacevole avventura, si proponevano di rivolgere a tutti gli amanti della natura e delle cose semplici ma genuine, l’invito se lo desiderano, di unirsi all’associazione dell’alpinismo lento e comunque venire ad osservare e  conoscere questi territori ancora incontaminati.

Più informazioni su