laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Cna su Ecobonus: l’emendamento sulla cessione dei crediti non sostiene le imprese

Più informazioni su

LA SPEZIA – L’ecobonus così come è strutturato si è rivelato uno sgambetto alle imprese ed anche CNA La Spezia ha già richiesto a livello politico locale e regionale un interessamento sul tema.
La commissione Bilancio della Camera ha approvato un emendamento alla Legge di Stabilità che introduce il principio, limitato all’anno 2016, della trasformazione facoltativa delle detrazioni, relative alle spese per la riqualificazione energetica dei condomini, in crediti d’imposta cedibili alle imprese  che realizzano i lavori. Una proposta dannosa in quanto i crediti di imposta sono recuperabili in dieci anni e le ditte non sono banche, un progetto sganciato dalla realtà in cui la crisi per l’edilizia non è ancora finita.
 
La cessione dei crediti d’imposta alle imprese per questa tipologia di lavoro causerebbe nel corso di un anno un ammontare dello stesso abnorme ed incompensabile in capo alle imprese del settore  obbligandole a ricorrere al risconto dei crediti fiscali, ceduti loro dalle famiglie, presso le banche a tassi di interesse che, proprio grazie alla forte esigenza delle imprese di monetizzare, sarebbero molto elevati.
Con tassi di interesse alti applicati dalla banche nei fatti si realizza una riduzione consistente del beneficio accordato alle famiglie che sostengono la spesa. Ciò per il semplice motivo che lo sconto applicabile dall’impresa che esegue i lavori alle famiglie, in ragione del tasso di sconto che l’impresa dovrà subire dalle banche in cambio della cessione del credito, potrebbe risultare a sua volta molto basso.
 
La trasformazione, volontaria, del beneficio fiscale sulla riqualificazione energetica in credito cedibile rimane comunque il percorso migliore.
La CNA ha avanzato da tempo la propria proposta alternativa che consiste nel far diventare denaro spendibile subito, per realizzare i lavori, la rata di detrazione decennale, cedendo il credito fiscale alle banche.

Più informazioni su