laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Messaggio per il Santo Natale

Più informazioni su

Mons. LUIGI ERNESTO PALLETTI
Vescovo della Spezia – Sarzana – Brugnato

Nella luce del Natale e della misericordia
Anche quest'anno desidero rivolgermi a voi nella luce e nella pace del Natale che risplende dalla grotta di Betlemme. Da pochi giorni si è aperto il grande Anno Santo straordinario della Misericordia. In esso siamo chiamati a riscoprire questa realtà all'interno della concretezza della nostra vita leggendola nel volto e nei gesti del Signore Gesù. Gli angeli a Betlemme cantano
«Gloria Dio nel più alto dei cieli e sulla terra pace agli uomini che Egli ama» (Le 2, 14). Questo è il
senso profondo del Natale: Dio ha tanto amato l'uomo da mandare suo Figlio per la salvezza di tutti. E proprio tutti siamo chiamati a fare esperienza della sua misericordia sia come dono ricevuto da Dio, sia come dono offerto ad ogni uomo.

Nello sguardo della nostra vita
Alla luce di Betlemme dobbiamo quindi guardare innanzitutto noi stessi, la nostra vita, il nosh·o cammino. Non dobbiamo temere di prendere coscienza delle nosh·e mancanze. Il Signore infatti ci permette di guardare con verità la nostra situazione senza cadere nella tentazione dell'autogiustificazione né tanto meno in quella della disperazione. Sapendoci e sentendoci amati da Dio, proprio in questa misericordia dobbiamo ritrovare la forza di uscire dalle nosh·e false sicurezze e aprù·ci con generosità ad un cammino di vita evangelicamente rinnovata. Certo tutto questo richiede coraggio e f ermezza, ma nel contempo apre la porta ad una serenità nuova.

Perché ciò sia vissuto nella concretezza
È però necessario un ritorno alle sorgenti della salvezza. Il Natale, infatti, riportandoci di fronte alla grotta, non ci rimanda ad un tempo passato ma ci propone l'esperienza di un presente. Sarà perciò opportuno vedere alcuni passi concreti da compiere insieme.
Innanzitutto necessita ritornare alla freschezza del Vangelo. Questo è il primo passo che dobbiamo compiere se vogliamo realmente contemplare la misericordia nel volto di Cristo. La fedeltà a questo impegno, costante e giornaliera, sarà condizione di un cammino realmente fecondo.
Nel contempo non possiamo dimenticare come la misericordia del Padre scenda su di noi nei gesti efficaci che Cristo affida alla sua Chiesa, primo fra tutti l'esperienza della riconciliazione vissuta nella confessione sacramentale. Veniamo però anche interpellati a riscoprire quegli atti personali di perdono e di prossimità offerti gratuitamente e capaci di ricostruire relazioni umane nuove. Papa Francesco a questo proposito ci stimola a vivere le opere di misericordia spirituale: la preghiera, la vicinanza, l'ascolto,  il perdono, il conf orto, il consiglio…
Un forte richiamo ci viene poi rivolto anche per le opere di misericordia corporale: «ho avuto fame e mi avete dato da mangiare, ho avuto sete e mi avete dato da bere…» (Mt 25, 35 ss). La voce di Cristo del Vangelo risuona con forza, non possiamo disattenderla, non possiamo far finta di non averla ascoltata. Quanti nostri fratelli sono oggi nella necessità! L'emergenza dei profughi
è sotto gli occhi di tutti, ma è altrettanto ben visibile la necessità di sostegno per molti nostri fratelli senza dimora, come anche per molte famiglie che versano in condizioni di necessità. Ricordo che a tal proposito la Caritas ha f atto di questi temi motivo del cammino di Avvento, e ora, giunti al Santo Natale, devono vedersi i frutti tangibili e concreti del nostro impegno.

Uno sguardo veloce alla situazione
Proprio in questi giorni ho compiuto la tradizionale visita alle varie realtà lavorative presenti nella nostra Diocesi. L'agire da parte di tutti è grande, ma il peso e la fatica della ripresa si fanno ancora sentire. In alcuni casi poi la situazione si manifesta ancora in tutta la sua criticità. Una nota positiva emerge certamente dal fatto che i problemi ancora esistenti sono sentiti e condivisi, a volte con non poca fatica, ma certamente con altrettanta serietà.
Ovviamente non posso dimenticare anche tanti nostri fratelli che, nel mondo, soffrono per il solo fatto di essere cristiani. Ancora una volta chiedo a tutti un ricordo per loro nella preghiera perché il Signore conceda loro perseveranza e consolazione.

Un saluto nella speranza
Spero vivamente che la luce di Betlemme possa sempre più splendere su tutti e su ciascuno. La misericordia ricevuta da Dio possa diventare sempre più motivo, modello, concretezza del nostro camminare insieme nella verità e nella carità.
Mentre rivolgo ad ognuno di voi il mio personale "buon Natale", assicuro anche un costante
ricordo nella preghiera ed invoco dal Signore una particolare benedizione per tutti.

Più informazioni su