laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Tarros: l’ultima partita del 2015 è contro il Vado

Più informazioni su

Appuntamento al PalaSprint domenica 20 dicembre alle 18.00 per il match contro il fanalino di coda del campionato. Poi una lunga pausa sino al 10 gennaio

LA SPEZIA – Lo Spezia Basket Club Tarros saluta il 2015 ospitando al PalaSprint l'Azimut Basket Pool 2000 Vado nell'ultima partita dell'anno. Poi una lunga pausa prima del ritorno sul parquet il 10 gennaio 2016.
A gennaio è anche l'appuntamento con Milos Delisabic che, a causa dell'infortunio subito due settimane fa, domenica non potrà essere della partita. Per il resto, tutti a disposizione di coach Massimiliano De Santis, compreso Manuel Ferrari, la cui distorsione alla caviglia sembra rientrata, anche se gli ha impedito di allenarsi con continuità durante la settimana. Allenamenti che si sono conclusi solo questa mattina, con una sessione di tiri.
“Siamo scesi sul parquet anche stamattina” – conferma il coach bianconero – “per concludere gli allenamenti. Il Vado evoca il ricordo della seconda giornata di campionato, dei primi due quarti della partita poi sospesa, i due nostri peggiori quarti, senza dubbio, ma eravamo all'inizio e siamo cresciuti molto, anche sul fronte dell'atteggiamento. Siamo decisi a chiudere il 2015 nel migliore dei modi”.

Di fronte ci sarà il Vado, una formazione giovane, costruita su un progetto biennale, a partire dalla fusione con il Loano. Attualmente i ragazzi di coach Prati occupano l'ultimo posto in classifica, a quota 4 punti, e sono reduci dalla sconfitta contro l'Ospedaletti. Nella prima di ritorno, però, il risultato a sfavore dei savonesi non è stato certo netto come in altre occasioni, vedi ad esempio l'andata con la Tarros, ed il Vado ha mostrato miglioramenti sia in attacco che in difesa.

Ancora una volta, quindi, cosa che del resto vale per tutte le partite, mai sottovalutare l'avversario.

Appuntamento al PalaSprint domenica 20 dicembre, palla a due alle ore 18.00, arbitrano Stefano Oro di Genova e Stefano Cannata della Spezia.

Più informazioni su