laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Le Interviste | Mister Di Carlo: “Era fisiologico che calasse l’intensità, ma abbiamo fatto il massimo”

Più informazioni su

Mimmo Di Carlo – Foto Patrizio Moretti 

Qualche errore si deve concedere, può succedere. Mi è piaciuta la voglia di reagire e provare a vincere fino all'ultimo minuto: ci teniamo questo e ci prepariamo ad affrontare l'Ascoli

LA SPEZIA – La penultima partita del girone di andata finisce con un pareggio casalingo: 1-1 contro il Como, in una gara complicata per gli aquilotti che nel finale non sono riusciti a segnare la rete che avrebbe consentito di portare a casa i tre punti. Il tecnico bianco Domenico Di Carlo, ha commentato così il match nella consueta conferenza stampa post gara.

E’ una partita che va analizzata a 360 gradi” – ha esordito il tecnico dello Spezia – “Siamo rammaricati di non avere ottenuto i tre punti. Nel momento migliore in cui cercavamo il gol, lo abbiamo subito; nonostante questo sono contento perché la squadra non si è disunita e non abbiamo mollato riuscendo a pareggiare. Mi aspettavo una partita in cui i ritmi sarebbero calati, visto che stiamo giocando ogni tre giorni da due settimane; i nostri avversari sono stati bravi ad approfittarne. Ci si è messo anche l’infortunio di Ciurria, che ho dovuto sostituire con Misic fuori ruolo, anche se non posso rimproverare nulla al ragazzo che ha fatto una buona prestazione“.

La squadra si è allungata troppo e non siamo riusciti ad essere aggressivi” –ha proseguito Di Carlo – “Gli attaccanti dovevano fare meglio pressione e la fase difensiva nel primo tempo; infatti quando è successo abbiamo creato le occasioni più importanti. Qualche errore si deve concedere, può succedere. Mi è piaciuta la voglia di reagire e provare a vincere fino all’ultimo minuto: ci teniamo questo e ci prepariamo ad affrontare l’Ascoli“.

Forse c’erano altri due rigori per lo Spezia: “Sicuramente c’era il secondo rigore e forse anche un altro, ma non sto qui a crearmi alibi. Perché ha battuto Nenè? Nella mia lista il primo rigorista era Calaiò, il secondo Nenè perché Catellani era in panchina. Poi in campo si è creata quella situazione e ha battuto Nenè, ma il prossimo rigore lo calcerà Catellani“.

Quali sono le condizioni fisiche di Ciurria? “Ciurria ha preso un colpo al ginocchio ieri durante la partitella e ha un fastidio, di conseguenza oggi non è potuto essere disponibile; dispiace perché oggi sarebbe stato molto utile, però conosciamo la situazione degli esterni, quindi non dobbiamo cercare scuse. Misic ha fatto il massimo in un ruolo non suo e non posso che fargli i complimenti“.

L’Ascoli ha battuto il Livorno in casa, che gara sarà domenica sera?Sarà una bella battaglia ad Ascoli, questa è la serie B; basta vedere come si è presentato il Como al “Picco”: oggi gli episodi sono girati un po a favore degli altri, ma la prossima volta sono sicuro che andrà diversamente“.

Giulia Lorenzini – © Riproduzione Riservata
www.speziacalcionews.it

Più informazioni su