laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Vaccinazioni antimeningite C e B

Più informazioni su

LA SPEZIA – Asl 5 informa che, sia per la meningite di tipo B che quella di tipo C, la situazione epidemiologica locale continua a non mostrare segnali diversi dall’andamento ligure, tutto ciò evidenzia che non sussiste alcun motivo per intraprendere profilassi differenti dal Calendario Ligure Vaccinale 2015.
 
 La situazione endemica ( non epidemica) della Regione Toscana fa sì che Asl 5 si impegni ad offrire una profilassi specifica ai propri cittadini che per motivi di lavoro o di studio si rechino in Toscana, anche per una contiguità territoriale.
Si precisa che, le notizie provenienti da misure assistenziali prese in merito dalla Regione Toscana, sono a noi pervenute tramite gli organi di stampa, ma non da bollettini ufficiali.
In base a notizie apprese da accedenti alle nostre strutture (non confermate ancora da comunicati ufficiali), parrebbe che Strutture universitarie toscane invitino attivamente i propri studenti a vaccinarsi gratuitamente presso le ASL toscane. Pertanto, salvo diverse intenzioni dei richiedenti, gli universitari in tale situazione vanno invitati a seguire le indicazioni locali presso le ASL locali.

In merito alle richieste di vaccinazione che pervengono, si confermano le indicazioni di procedere a profilassi che non abbia modalità differenti da quelle indicate dal Piano Regionale 2015.
 
Le disposizioni riguardano prestazioni a richiesta (non è prevista una chiamata attiva, se non per popolazione 14enne), come segue:
 
PER LA POPOLAZIONE FINO AI 20 ANNI
viene mantenuto il diritto alla vaccinazione gratuita per coloro che hanno già maturato i requisiti previsti dal Calendario Vaccinale Ligure 2015 (offerta attiva – cioè su chiamata –  e gratuita alla popolazione quattordicenne di ogni anno; nel 2016 stanno per essere chiamati i 14enni cioè i nati nel 2002 nel prossimo mese di aprile, essi sono invitati ad attendere la chiamata (cioè la lettera di invito che sarà recapitata a domicilio); di fatto questo invito configura un richiamo della vaccinazione antimenigococcica, già praticata nel 2° anno di vita;
 
 PER I NATI NEL 2001 E PRECEDENTI FINO AL 1996
possono essere vaccinati gratuitamente su richiesta se non hanno già praticato una dose nel 14° anno di vita; non è previsto al momento un richiamo per i 14enni già vaccinati;
 
 PER LA FASCIA DI ETÀ DEI NATI DAL 2003 AL 2014
seguiranno ulteriori indicazioni, in quanto al momento non è stata emanata alcuna direttiva sulla necessità di anticipare il richiamo che di fatto viene offerto attivamente nel 14° anno;
 
 PER LA POPOLAZIONE DAI  21 ANNI COMPIUTI FINO AI 45 COMPIUTI
limitatamente a chi si reca quotidianamente in Toscana, non vaccinata, a richiesta è possibile offrire gratuitamente la profilassi contro il ceppo C (monovalente); a richiesta , può essere praticato il vaccino tetravalente (ceppi C, A, W,Y) dietro pagamento di euro26;
 
 PER LA POPOLAZIONE DAI 46 COMPIUTI E OLTRE
limitatamente a chi si reca quotidianamente in Toscana, non vaccinata, , a richiesta è possibile offrire con pagamento di euro 9 la profilassi contro il ceppo C (monovalente)o il vaccino tetravalente dietro pagamento di euro 35;
 
A PARTIRE DAL COMPIMENTO DEL 7°  ANNO A SALIRE
 le vaccinazioni vengono praticate su appuntamento presso gli ambulatori di Igiene Pubblica della ASL.
 
PER L’ETÀ PEDIATRICA FINO AL 7° ANNO DI ETA’(VACCINAZIONI OFFERTE DAI CONSULTORI)
nel Piano Nazionale di Prevenzione Vaccinale del dicembre 2014 è previsto l'inserimento, nel calendario, della vaccinazione contro il Meningococco B per i nuovi nati a partire dal gennaio 2015, con la somministrazione di 4 dosi nei primi 15 mesi di vita, ed è confermato, nei bambini fra i 13 e 15 mesi e negli adolescenti, la somministrazione della vaccinazione contro il Meningococco C già in uso da molti anni.
Alla luce dei dati epidemiologici la vaccinazione contro il Meningococco B non va eseguita a tappeto su tutta la popolazione pediatrica, ma limitata ai neonati, come previsto dal calendario, in quanto la fascia di età più colpita è sicuramente quella da 0 a 12 mesi ( con un picco a 5 mesi di vita ) a causa dell'immunodeficienza fisiologica dei piccoli pazienti. La vaccinazione va estesa, nelle altre fasce di età, ai bambini che presentano particolari condizioni di rischio in quanto affetti da particolari patologie."
 
Sono stati informati per conoscenza i MMG e PLS di quanto sopra per collaborazione nell’informativa delle indicazioni soprastanti.

Più informazioni su