laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Anziani raggirati, smascherato il finto avvocato dalla Polizia di Stato

Più informazioni su

LA SPEZIA – Ricordate i numerosi colpi messi a segno dall'inizio dell'anno da una banda che aveva truffato gli anziani anche ultranovantenni? La Squadra Mobile della Questura, a coronamento di una brillante indagine, ha preso il finto avvocato, un trentenne,  colui il quale, secondo la Polizia di Stato, si presentava a casa delle vittime già preavvertite telefonicamente per farsi consegnare denaro o gioielli dopo essere state avvisate del falso incidente toccato al loro figlio e che era stato fermato perché trovato sprovvisto di assicurazione o con la patente scaduta. Negli ultimi tempi la banda aveva preso di mira la nostra città e negli ultimi tempi i poliziotti in borghese della Mobile avevano individuato il trentenne che aveva il ruolo di riscossore.

A mettere sulle tracce del giovane è stata la segnalazione al 113 di una anziana che ha capito che stava per essere raggirata dal finto avvocato e non ha aperto la porta al truffatore e, anzi, ha subito telefonato alla Polizia di Stato. I poliziotti ritengono che l'organizzazione sia entrata in possesso della privacy delle vittime, arrivando ai dati personali, magari con un allaccio abusivo a banche dati, una pratica già attuata a livello nazionale. Ad oggi, dall'inizio dell'anno, sono almeno venti i colpi consumati  in città dalla banda e la Polizia di Stato mette in guardia i cittadini, soprattutto anziani perché più indifesi, a stare molto attenti, a non aprire la porta a nessuno e a chiamare subito le forze dell'ordine. L'attività investigativa della Polizia di Stato prosegue frenetica e non sono esclusi interessanti sviluppi sull'inchiesta da tempo avviata.

Claudia Verzani

Più informazioni su