laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Una vergogna il corteo neofascista a Mazzetta

Più informazioni su

LA SPEZIA – Con stupore e sgomento ieri pomeriggio i cittadini di Mazzetta hanno assistito all’indegna parata nelle strade del quartiere organizzata dai gruppi neo fascisti casa pound e forza nuova. Un assemblaggio di esaltati e neo fascisti che hanno sfilato con passo militare; la cosa che più ci lascia perplessi e sdegnati che tutto questo è avvenuto con la presenza delle Forze dell’Ordine, che di fatto hanno scortato il corteo partito dopo il presidio organizzato dagli stessi neofascisti. Ci chiediamo: chi ha autorizzato lo svolgimento di tale corteo? Con quale criteri? Segnaliamo che, oltretutto, i neofascisti hanno sfilato a pochi metri dalla Camera del Lavoro, a quell’ora, intorno alle 19, praticamente deserta e quindi probabile obiettivo di provocazioni. Ricordiamo al Prefetto e al Questore della Spezia, se mai non lo sapessero, che la nostra città è Medaglia d’Argento per la Resistenza, che la Provincia della Spezia è Medaglia d’Oro, che la Spezia è la città di Exodus, dei Martiri del 21esimo, dei grandi scioperi del 44 con i cantieri e le fabbriche occupate dai fascisti e dai nazisti. Ricordiamo che nel territorio spezzino hanno operato bande di criminali fascisti e segnatamente la x mas, che si è macchiata di ogni tipo di atrocità verso i partigiani e la popolazione civile. Una sfilata come quella di ieri rappresenta una autentica offesa alla Democrazia, alla Costituzione Repubblicana, alla Resistenza, alla cultura, ai valori e alla storia di questa città e del suo territorio. L’antifascismo e la difesa della Costituzione democratica nata dalla Resistenza non sono simboli antichi di un passato glorioso, ma valori vivi e attuali sui quali fondare l’esistenza stessa dello Stato e la convivenza pacifica e civile tra i cittadini. Condanniamo quindi tutte le manifestazioni neofasciste che si sono svolte nella giornata di ieri e chiediamo al Prefetto e al Questore come sia stato possibile autorizzarle.

Anpi, Arci, Cgil, Cisl, Uil, Partito Democratico, Sel, Rifondazione Comunista, Partito Comunista di Italia, Psi, Possibile

Più informazioni su