laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Top & Flop di Spezia-Livorno | Calaiò e Situm due fuoriclasse per la rincorsa!

Più informazioni su

Situm e Migliore festeggiano il gol con Calaiò – Foto Patrizio Moretti 

La doppietta dell'arciere e la prodezza di Super Mario, trascinano le aquile alla vittoria e potrebbero essere le armi decisive nella rincorsa play-off

LA SPEZIA – Lo Spezia annichilisce il Livorno nel derby della ventiseiesima giornata del campionato cadetto. La gara del “Picco” finisce con un secco 3-0 e consente così agli aquilotti di proseguire nella striscia positiva di risultati che dura dalla prima partita del girone di ritorno contro il Bari.
Dopo una fase iniziale di studio da parte di entrambe le squadre, all’11’ arriva la prima occasione per lo Spezia su calcio di punizione, ma la conclusione di Calaiòviene deviata dalla difesa ospite e finisce di poco a lato.
Al numero 11 bianco bastano due minuti per portare in vantaggio i suoi: bella azione sulla sinistra tra Sciaudone e Situm si conclude con il cross per Calaiò, pronto a girarsi e battere Pinsoglio con una precisa conclusione nell’angolino.
Al 22′ arriva il raddoppio dei padroni di casa, questa volta dalla fascia destra: il preciso cross di De Col trova ancora una volta Calaiò, che questa volta di testa, batte il portiere del Livorno.
Dopo un monologo spezzino, sul finale di frazione di fa vedere anche il Livorno, ma il colpo di testa di Vantaggiato sul cross di Vajushi, finisce alto sulla traversa.
La ripresa inizia con gli aquilotti subito in avanti: questa volta è Vignali a provare la deviazione in acrobazia di esterno sull’ottimo cross di Situm, ma la sfera finisce alta sulla traversa.
Al 54′ è ancora l’esterno croato ad avere l’occasione di arrotondare il punteggio: sull’ottimo suggerimento di Piccolo, il munero 18 bianco conclude a botta sicura, ma trova la respinta di Antonini.
Il gol è nell’aria e al 59′ arriva la terza rete di giornata proprio dal piede di Situm, che dal limite batte Pinsoglio con un destro a giro.
Il Livorno sembra stordito, ma trova la forza di reagire al 68′,ma il potente destro dalla distanza di Baez viene fermato dall’incrocio dei pali.
Al 75′ sono ancora gli ospiti a rendersi pericolosi con una carambola in area, maChichizola si salva anche grazie al palo.
Al 77′ risponde Sciaudone, ma la sua conclusione viene murata da Vergara. Tre minuti più tardi Vantaggiato va via a Valentini, entra il area, ma trova l’opposizione di Terzi che smorza la sua conclusione.
All’85’ è lo Spezia a portarsi nuovamente in avanti e sfiora il quarto gol con una conclusione di Nenè da posizione defilata sulla quale Pinsoglio mette le dita e riesce a deviare in angolo.

Dopo questa partita, ecco i nostri TOP E FLOP.

TOP SPEZIA: CALAIO’ – L’arciere torna ad essere trascinatore e bomber implacabile. Due gol presi dal repertorio dell’uomo d’aria di rigore, sblocca la gara insaccando i primi due palloni toccati. I centrali sono in costante apprensione e non riescono mai a bloccarlo senza commettere fallo. Davvero una prestazione importante per l’arciere, che torna a scoccare le sue frecce sotto alla “Curva Ferrovia”.

TOP SPEZIA: SITUM – L’esterno croato torna ad essere il folletto imprendibile ammirato la scorsa primavera. Da manuale lo scambio con Sciandoune che porta al gol del vantaggio. Da cineteca invece il terzo gol: destro a giro, imprendibile per Pinsoglio. Se il croato giocherà su questi livelli, nel girone di ritorno potrebbe regalare soddisfazioni vere al popolo del Picco.

TOP LIVORNO: VANTAGGIATO – L’attaccante amaranto prova a scuotere i compagni con la sua esperienza, ma davanti allo Spezia odierno da solo può veramente poco. Nel primo tempo è sua l’unica conclusione a rete del Livorno; nella ripresa calcia un paio di conclusioni a rete, ma per Chichizola è solo normale amministrazione.

FLOP LIVORNO: BORGHESE – Il ritorno al Picco del centrale difensivo è a dir poco disastroso: subisce costantemente l’iniziativa di Calaiò, che lo costringe all’ammonizione dopo pochi minuti. Insieme al suo compagno di reparto Vergara, è sicuramente colpevole di lasciare troppo spazio al numero 11 spezzino, che quest’oggi non perdona.

Giulia Lorenzini – © Riproduzione Riservata
www.speziacalcionews.it

Più informazioni su