laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Commercio | Approvata Modulistica Carta di Esercizio per Ambulanti

Più informazioni su

Via libera ad accesso a 5,5 mln di euro della Rete Confidi. 

GENOVA – Approvate oggi dalla giunta regionale, su proposta dell’assessore regionale al Commercio Edoardo Rixi, due delibere che riguardano gli operatori commerciali su area pubblica. “Con oggi abbiamo dato gambe e braccia alla legge sul commercio in base alle modifiche, varate a fine anno, per il superamento del Durc con l’introduzione della Carta di esercizio, onorando quindi gli impegni presi con le associazioni di categoria, gli operatori e le camere di commercio” ha commentato l’assessore Rixi.

“Dispiace – commenta l’assessore Rixi – che alcuni Comuni non abbiano compreso, o non abbiano voluto comprendere, la validità di questo provvedimento che se da un lato semplifica la vita alle imprese virtuose e incentiva a mettersi in regola, dall’altro vuole stroncare l’abusivismo commerciale che genera concorrenza sleale. Il Comune di Genova per esempio ha tenuto un atteggiamento poco corretto anche dal punto di vista istituzionale scrivendo, qualche settimana fa, al Mise per chiedere un’impugnativa delle sanzioni agli abusivi che prevedono anche il sequestro della merce. Ma in ministero ci ha dato ragione e ha dichiarato che il Comune non può esimersi dalla confisca della merce davanti a un abusivo. Sempre il ministero ha messo, nero su bianco, la scarsa utilità delle pene pecuniarie, per altro elevate, perché di solito l’abusivo, al momento del pignoramento, risulta nullatenente”.

Nello specifico, oggi, sono state approvate le modalità attuative per l’applicazione della Carca di esercizio “rendendone omogenea l’applicazione in tutti i Comuni liguri” e lo schema di protocollo d’intesa per l’attivazione di strumenti finanziari di sostegno agli operatori commerciali su area pubblica. “La Regione Liguria, senza oneri di cassa – dice l’assessore Rixi – rende così accessibili le misure finanziarie messe a disposizione dei Confidi con specifico plafond da 5,5 milioni di euro per finanziamenti presso gli istituti di credito convenzionati”.

Più informazioni su