laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Veschi: «Lavorare per alleanze di centrosinistra nei diversi comuni»

Più informazioni su

Moreno Veschi, componente Direzione Provinciale PD.

LA SPEZIA – La Direzione Provinciale del PD di venerdì scorso ha deciso una scelta politica chiara: lavorare per alleanze di centrosinistra nei diversi comuni in cui si vota e rispettandone la peculiarità.

Questo è avvenuto su proposta del Coordinamento provinciale.

Anche per quanto riguarda le decisioni inerenti le primarie, laddove di deciderà che si svolgeranno, è stato dato il tempo di definire l'iter entro il prossimo giovedì, in cui si riunirà di nuovo la Direzione Provinciale.

Molto  positiva, a mio parere, è anche la decisione della Direzione Provinciale di fare incontri con i singoli partiti di centrosinistra in questa settimana.

Il punto  di riferimento non può che non essere l'esperienza di Milano molto positivo per le alleanze, sostenute anche dall'ex sindaco Pisapia, e il modo unitario e con lealtà reciproca con cui si sono svolte le primarie.

Qui alla Spezia si tratta di rilanciare i rapporti a sinistra.

So che ci sono difficoltà a livello nazionale, a cominciare  dall'ltalicum, che non favoriscono un consolidamento delle alleanze di centrosinistra e dà alibi a chi ci vuole divisi. lo personalmente ho nostalgia della mediazione politica per rendere più forti le decisioni. Anche perché sono convinto che non c'è sinistra di governo locale e nazionale, e non solo testimonianza, senza un'intesa con il PD.

Qui nella nostra provincia tra i vari obiettivi abbiamo quello di riconquistare a una politica progressista e basata sulla partecipazione dei cittadini comuni come  Ameglia e Riomaggiore, nel qual caso dopo le drammatiche vicende che hanno coinvolto le 5 Terre anche su un piano giudiziario, si è condotta una opposizione seria alla sindaca Cantrigliani con un nuovo gruppo dirigente.

A Santo Stefano di Magra, il principale comune in cui si vota,le primarie sono il modo per non incancrenire ulteriormente i rapporti  non sereni che si sono determinati  all'interno  del PD. Primarie il più  presto possibile, anche solo del PD, per poi formalizzare successivamente gli accordi con gli altri partiti, se non è possibile definire un'alleanza completa in tempi stretti.

Primarie basate su linee guida programmatiche  comuni per tutto  il Partito Democratico e decisione che tutti i candidati e i loro sostenitori si impegnano a sostenere alle elezioni amministrative della primavera prossima il candidato vincente.

Tutti gli eventuali candidati devono essere rappresentanti legittimi del PD, dunque ci vuole una neutralità, non dei singoli dirigenti o iscritti al partito, ma degli organismi dirigentiin quanto tali.

Più informazioni su