laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Presentata la nuova edizione di Balnearia Tirreno CT

Più informazioni su

Ad inaugurare domenica 28 febbraio, sarà il Sottosegretario Cosimo Ferri. La manifestazione su attrezzature balneari, prodotti e servizi per spiagge, forniture per alberghi, ristoranti, strutture ricettive ed esercizi pubblici chiude il 2 marzo. 

CARRARA – E’ stato Fabio Felici, presidente di CarraraFiere, ad aprire la conferenza stampa di presentazione della 17esima edizione di Balnearia, il Salone   dedicato alle attrezzature balneari, outdoor design e benessere, che si tiene in contemporanea alla 36esima edizione di Tirreno CT, storica mostra convegno sul mondo della ristorazione, hotellerie ed ospitalità delle strutture ricettive pubbliche e private.

Felici ha voluto innanzitutto ricordare Sergio Dati, recentemente e prematuramente scomparso ma ben presente nella memoria di tutti e in tutto quello che è stato fatto grazie alla sua professionalità, ma anche alla profonda umanità che l’ha contraddistinto rendendolo una persona speciale nei rapporti di amicizia,  oltre che in quelli lavorativi. Essere arrivati alla 17esima edizione di Balnearia, ha continuato il presidente, con la presenza di 75 espositori distribuiti su 5.500 mq è quasi miracoloso, date le difficoltà attraversate dal settore negli ultimi anni in conseguenza dell’ormai famosa “direttiva Bolkenstein” e della mancanza di prospettive legislative certe, che hanno fortemente condizionato, rallentandoli, gli investimenti dei balneari nelle proprie strutture ricettive. Resta forte la speranza di poter intravedere delle soluzioni positive a tutela di questo importante segmento produttivo che vede protagoniste circa 30.000 aziende che hanno ragioni, diritti e storia a loro favore. E’ importante presentarsi a Balnearia 2016 in tanti e tutti uniti. Saranno numerosi gli incontri per aggiornarsi sulle varie questioni in ballo, ai quali è importante partecipare. Senza dimenticarsi di visitare gli stand delle aziende espositrici, che stanno vivendo allo stesso modo dei balneari questo momento di difficoltà, tentando di infondere un po' di ottimismo: il 2016 sarà l'anno della riforma delle concessioni balneari, e si deve trovare una soluzione favorevole per gli attuali imprenditori.  Anche il Presidente di Tirreno Trade, Paolo Caldana, ha inteso aprire le proprie dichiarazioni ricordando con affetto lo scomparso Sergio Dati col quale aveva intrapreso, ormai 24 anni fa “’l’avventura della fiera” specificando come grazie alla sua  professionalità e conoscenza del settore fieristico, oltre che alla determinazione ad investire anche a fronte di guadagni contenuti per far crescere la manifestazione, oggi Tirreno CT è diventato il secondo evento per importanza a livello nazionale dopo la Fiera Host di Milano. A dispetto della forte competizione e delle difficoltà registrate anche in questo settore, la fiera ha registrato negli anni un aumento del 15,9% crescendo costantemente non solo in termini quantitativi, ma soprattutto qualitativi. Quest’anno sono 350 gli espositori diretti presenti per 600 marchi rappresentati, con 57 nuovi espositori, in particolare per i settori caffé, birrerie, bevande e pasticceria. Migliora anche la qualità della presentazione degli espositori,  che rispetto al passato allestiscono stand personalizzati, più belli e su aree maggiori. La fiera, ha ricordato ancora Caldana, non potrebbe tuttavia godere del successo che ha senza la partecipazione delle associazioni di categoria che la supportano, e senza le numerosissime iniziative collaterali che la contraddistinguono, fra cui dimostrazioni di cucina dal vivo, degustazioni, assaggi,  concorsi dedicati e gare culinarie sul campo. Fra le novità di quest’anno la “Boscolo Etoile Academy” ed il “Master Barman”. Il sistema cucina, all’interno del Padiglione E, sarà contraddistinto da una maggiore attenzione ai prodotti del territorio con “un po’ meno scenografia ma più qualità”. 

Ha preso poi la parola il Segretario Generale della CCIAA Enrico Ciabatti ricordando come il settore agro-alimentare sia da valorizzare quale competenza distintiva del territorio. La CCIAA ha sempre organizzato una collettiva di aziende nell’ambito della manifestazione, che quest’anno è costituita da 8 partecipanti con uno stand di 150 mq.  Ciabatti ha parlato anche della collaborazione intrapresa con Tirreno CT e, con nuovi  presupposti rispetto al  passato, con CarraraFiere, due soggetti diversi ma che possono e debbono lavorare in stretta sinergia a beneficio del territorio, come è stato anche richiesto a livello istituzionale dalla Regione Toscana. La CCIAA di Massa-Carrara deve investire di più, con contributi alle piccole aziende che favoriscano la loro partecipazione alle fiere, che restano un imprescindibile strumento di promozione e sviluppo economico, ma anche sociale, del territorio. E, sul fronte del sociale, una delle più importanti iniziative collaterali di Balnearia è costituita, nella giornata di lunedì 29 febbraio, dalla tavola rotonda “Un ambiente accessibile garantisce a tutti la qualità della vita” organizzata dalla Consulta delle Persone con Disabilità del Comune di Carrara con coordinamento del dibattito a cura del Prof. Massimo Toschi in rappresentanza della Regione Toscana.

A questo proposito il Presidente della Consulta Pierangelo Tozzi, illustrando l’iniziativa, ha ringraziato CarraraFiere per aver dimostrato nel tempo la propria attenzione al fattore “crescita” non solo in termini economici ma anche di civiltà, rispetto e consapevolezza delle delicate questioni inerenti la disabilità, così complesse che sarebbe necessario prevedere una delega apposita per gli assessorati competenti in materia: l’Italia, a livello legislativo,  è uno dei paesi più evoluti in termini di attenzione su queste problematiche, purtroppo però troppo spesso le norme esistenti non vengono applicate, creando un vuoto rispetto ai diritti dei cittadini. Avere occasioni di visibilità,  come in questo caso un evento fieristico frequentato da migliaia di visitatori, è molto importante per far conoscere al pubblico la situazione attuale, le buone prassi che in Toscana pure esistono ma spesso sono disattese o misconosciute. Tozzi ha ricordato inoltre che sono ben 100 milioni in Europa le persone disabili che rinunciano a muoversi da casa per le difficoltà che incontrano a causa di una mancata o scarsa  accessibilità di luoghi e strutture, e questo significa anche business, trovando le giuste soluzioni per rendere più fruibili gli spazi esterni ai disabili.

Giacomo Bugliani, consigliere in rappresentanza della Regione Toscana, presente anche a nome dell’assessore regionale alle attività produttive Stefano Ciuoffo, ha concluso la conferenza esprimendo il proprio apprezzamento per le attività svolte da CarraraFiere che risultano particolarmente importanti se inserite in un’analisi complessiva dell’economia del territorio, che presenta molte problematiche e che spesso risulta “marginale” anche geograficamente rispetto al resto della Regione. Nelle parole di Bugliani la necessità di creare sempre più sinergie fra i diversi soggetti istituzionali deputati allo sviluppo socio-economico territoriale: al di là del solo progetto di re-industrializzazione del quale si sta discutendo attualmente e che porterà benefici sul lungo periodo, è basilare sviluppare e far crescere il settore del turismo e del commercio per ottenere risultati a breve, e le fiere sono fondamentali da questo  punto di vista. Gli eventi di questo tipo sono  importanti veicoli di promozione e rilancio economico, come lo è in questo caso la fiera per   gli stabilimenti balneari che sono protagonisti dello sviluppo costiero.

Rispetto alle normative europee, le istituzioni regionali devono attivarsi proteggendo le aziende perché le leggi europee, magari ottime nei principi, vanno anche calate e verificate rispetto alle singole e complesse realtà territoriali. Sulla questione Bolkenstein la Regione Toscana è intervenuta direttamente chiedendo al Governo una proroga delle licenze di 20 anni, ma solo a fronte di investimenti e migliorie delle strutture destinate al turismo di costa da parte dei gestori degli stabilimenti,  in un’ottica di ricaduta economica sul territorio che li ospita. 

Aggiornamenti e dettagli  su www.balnearia.it

Nella foto da sx Ciabatti, Felici, Bugliani

Più informazioni su