laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

CAMeC. Frijia: «Delusione il dato sugli accessi. Ignoto quello degli incassi»

Più informazioni su

Maria Grazia Frijia, Fratelli d’Italia, presenta interrogazione urgente: “ oltre ai numeri dei visitatori, vorrei avere i dati sugli incassi e il numero dei paganti. Una delusione anche in anni in cui i flussi turistici in città hanno avuto un’impennata. La gestione è fallimentare”.

LA SPEZIA – Sui numeri di accessi del Camec, recentemente diramati alla stampa, il consigliere comunale di Fratelli d’Italia Maria Grazia Frijia annuncia la presentazione di un’interrogazione urgente e spiega: “vorrei conoscere quanti  di questi poco di più di 10 mila visitatori, numero che rimane ancora molto basso, sono i visitatori paganti e quanto è stato l’incasso totale. Sto parlando di dati che non sono così irrilevanti in un contesto in cui anche alla Spezia la stagione turistica ha visto un elevato numero di presenze che, visti i numeri, probabilmente non hanno trovato nel nostro museo di Arte Moderna una offerta culturale capace di attirarne l’attenzione”.

“Il fatto è – continua l’esponente di FdI – che questa struttura, dopo un anno di curatela inconcludente, continua in qualche modo a rimanere avulsa dal contesto sociale e culturale della nostra città e anche le proposte per coinvolgere la città si sono dimostrate deboli, prive di un contesto scientifico professionale e non così attrattive per il pubblico. Trovo quindi poco utile snocciolare dati così poco edificanti tanto più che nel 2011 -2012, senza poter contare su un flusso turistico così importante come quello a cui abbiamo assistito invece tra il 2015-2016, i numeri dei visitatori del Camec erano del doppio rispetto ad oggi, ad evidente dimostrazione che sulla strategia gestionale del Museo vi sono molte lacune e rispetto alla quale voglio esprimere profonde perplessità e molta delusione”.

“Scarsi i numeri e sicuramente ancora più scarso sarà il dato economico, aspetti che meritano una profonda riflessione, visto anche i costi che la struttura ha e che gravano sui cittadini. Credo che sia necessario ripensare anche i manager che gestiscono il Camec perché evidentemente hanno dimostrato di non saper nemmeno cavalcare l’onda del Turismo e tanto meno di essere capaci di far diventare il Museo di Arte Moderna della Spezia volano di cultura per il nostro territorio; investire sulla cultura è importante ma la cultura deve essere diffusa se non si riesce a fare questo significa che si è fallito”, conclude Frijia.

Più informazioni su