laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

“Chi sconfiggerà l’Isis? Conflitti in medio oriente e responsabilità dell’occidente”

Più informazioni su

Incontro con Massimo D’Alema, giovedì 3 marzo ore 21 Centro Allende

LA SPEZIA – L’Associazione Culturale Mediterraneo, nell’ambito del ciclo “Ripensare il Mediterraneo: un compito dell’Europa”, ha invitato l’on. Massimo D’Alema, presidente della Fondazione Italianieuropei e uno dei massimi esperti italiani di politica internazionale, a un incontro sul tema “Chi sconfiggerà l’Isis? Conflitti in Medio Oriente e responsabilità dell’Occidente”.

L’incontro si terrà giovedì 3 marzo alle ore 21 al Centro Allende. Per D’Alema la chiave della sconfitta dell’Isis sta innanzitutto nel superamento della tensione tra Arabia Saudita (di religione sunnita) e Iran (di religione sciita), le due massime potenze regionali.

“Per fortuna – sostiene l’ex Presidente del Consiglio e Ministro degli Esteri – i nemici di ieri sono diventati i nostri alleati di oggi. Era sbagliato l’ostracismo verso l’Iran. Ed è divenuto insostenibilmente sbagliato con il passaggio dal conservatore Ahmadinejad al riformista Rohani. L’ostracismo era dettato non dagli interessi dell’Occidente, ma da quelli dei due alleati dell’Occidente: Arabia Saudita e Israele. I quali, più che alleati, si sono rivelati due problemi”. La sfida dell’Arabia Saudita all’Iran, prosegue D’Alema, “è un conflitto di potenze che tende a degenerare in un conflitto religioso; e i conflitti nazionali ammettono risoluzioni, quelli religiosi no. Eppure sciiti e sunniti hanno convissuto per secoli. La vera questione è l’egemonia nell’area. La nuova leadership saudita ha attitudini belliciste preoccupanti, si pensi all’avventura militare in Yemen. Fino a quando resterà questa tensione tra Arabia Saudita e Iran, l’Isis non sarà sconfitto”.

D’Alema è molto critico verso l’israeliano Netanyahu: “il Governo della destra israeliana sta giocando un ruolo negativo nella regione. Con l’espansione delle colonie, la prospettiva di uno Stato palestinese è di fatto scomparsa”. E in Siria? “Dobbiamo costruire – dice il Presidente della Fondazione Italianieuropei – un fronte anti-Isis tra il governo, i suoi sostenitori interni tra cui la minoranza cristiana, i suoi sostenitori esterni che sono la Russia e l’Iran, i gruppi sunniti appoggiati dall’Occidente, i curdi”. Insomma, c’è materia per un confronto utile a creare – questo è lo scopo primario dell’Associazione – riflessione critica, formazione e informazione sui grandi temi del “Mediterraneo diviso”.

Massimo D’Alema sarà presente in città già alle 17,30 al CAMeC, in piazza Battisti: presenterà il libro di Robert Wilkinson e Kate Pickett “La misura dell’anima. Perché le diseguaglianze rendono le società più infelici”. L’iniziativa è organizzata dall’assessorato alla Cultura del Comune della Spezia e dal Rotary Club.

Più informazioni su